Sarri "su razzismo non cambio idea"

Sono manifestazione di inferiorità netta rispetto a stadi Europa

(ANSA) - TORINO, 20 GIU - "Non posso cambiare il mio punto di vista sui cori razzisti solo perché ho cambiato società.
    L'Italia dovrebbe smetterla". Maurizio Sarri torna su una delle battaglie condotte quando era alla guida del Napoli, quella contro i cori razzisti o di discriminazione territoriale. "Sono una manifestazione di inferiorità netta rispetto a quello che si respira negli stadi europei - aggiunge -. Il Napoli è una delle squadre che subisce questo tipo di atteggiamenti e la mia idea è la stessa. E ora di finirla di restare 30-40 anni indietro rispetto all'Europa".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere