Stringe cintura al collo della compagna

Ad Alessandria. Libero, ma con divieto di avvicinarsi a donna

(ANSA) - ALESSANDRIA, 15 GIU - E' stato convalidato dal tribunale ad Alessandria l'arresto di Y.N., che la sera del 12 giugno - durante un litigio nell'alloggio di via della Palazzina al quartiere Cristo - ha stretto una cintura al collo della convivente che era poi riuscita a fuggire. E' però caduta l'accusa di tentato omicidio, che è stata trasformata in quella di lesioni aggravate. L'uomo è stato scarcerato: il giudice gli ha imposto il divieto di avvicinarsi a meno di 100 metri.
    "Dalla documentazione fotografica - spiega l'avvocato Massimiliano Borsalino - è emerso che il soqquadro nelle stanze era dovuto anche al fatto che la donna ha lanciato degli oggetti verso l'uomo, rimasto colpito da qualcosa di simile a un posacenere. Solo a quel punto lui avrebbe preso la cintura con l'intenzione di legarle le braccia; poiché continuava a divincolarsi, è arrivata al collo ma in quel momento lui ha lasciato la presa. Il gip ha riconosciuto l'azione potenzialmente lesiva e pericolosa, ma anche la desistenza dall'azione".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere