Sequestrati beni per 5 milioni a sinti

Appartenenti a famiglia Cena. Operazione 'Anticrimine' Questura

(ANSA) - TORINO, 14 FEB - Beni per un valore di 5 milioni di euro, di proprietà di 12 sinti, tutti esponenti della famiglia Cena, sono stati sequestrati, oggi, in base a una misura di prevenzione patrimoniale proposta del Questore di Torino Francesco Messina.
    Sotto sequestro sono finiti 36 terreni, per la maggior parte agricoli e poi diventati edificabili, 33 mezzi tra auto, moto, roulotte e caravan, 9 immobili, 23 conti correnti, 4 conti deposito, un libretto, 7 polizze assicurative, 2 carte prepagate e una cassetta di sicurezza.
    Le indagini, coordinate dal pm Giuseppe Riccaboni, sono durate un anno e hanno preso il via dal monitoraggio dei componenti della famiglia Cena, già denunciati per associazione a delinquere specializzata nelle truffe agli anziani.
    Coordinati dal capo clan Giacomo Cena, hanno messo a segno colpi in tutto il Nord Italia. I sequestri sono stati effettuati nella zona tra Nichelino e Carmagnola. L'operazione è stata eseguita dalla sezione anticrimine della polizia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere