Torino, indagato consigliere Morano

Inchiesta Cacao,capogruppo opposizione è accusato di tentata concussione

(ANSA) - TORINO, 4 DIC - Ci sono quattro indagati nell'inchiesta della procura di Torino sul Cacao, la discoteca di proprietà del Comune sulla quale la magistratura subalpina ha acceso nei mesi scorsi un faro per presunte irregolarità nelle autorizzazioni concesse per l'apertura del locale, nel cuore del parco Valentino, e per presunti abusi edilizi. Tra i destinatari degli avvisi di garanzia notificati oggi c'è anche Alberto Morano, notaio, ex candidato sindaco e capogruppo della lista Morano in Consiglio comunale, tra i maggiori esponenti dell'opposizione alla giunta pentastellata.
    Tentata concussione è il reato ipotizzato dall'inchiesta, coordinata dal pm Gianfranco Colace, in cui sono indagati anche due privati e un altro personaggio del mondo politico torinese.
    L'inchiesta aveva preso il via proprio da un esposto di Morano, un atto secondo gli investigatori non sarebbe stato privo di interessi.
   Gli altri indagati sono Angelo D'Amico, ex consigliere comunale di centrodestra, Ferdinando Montalbano e Antonio Biondino, imprenditori legati al mondo torinese dei locali. "Il consigliere Morano non ha nulla da nascondere - commenta l'avvocato Alberto Mittone, suo legale - e ha chiesto di poter chiarire il prima possibile quello che ritiene essere soltanto un grosso equivoco".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale