Si dà fuoco,marocchino salva disoccupata

Era in coda all'Inps. Condizioni donna restano critiche

"Quando uno perde il lavoro arriva a compiere gesti disperati, la capisco...". Anas Sabi, marocchino di trent'anni, parla così della donna che ieri si è data fuoco negli uffici torinesi dell'Inps. Originario di Casablanca, l'uomo era in coda allo sportello, dietro alla donna, le cui condizioni restano critiche. "L'ho vista prendere fuoco, è stato terribile - racconta - ringrazio il Signore per avermi dato la forza di reagire e per avermi fatto rimanere calmo e lucido". Anas ha corso verso l'estintore, lo ha afferrato e l'ha attivato. E ora "prego per lei - dice - perché tutto si risolva per il meglio". In Italia da quando è ragazzino, il marocchino era all'Inps perché anche lui disoccupato. "Mi occupavo di impianti elettrici, e grazie a questo lavoro riuscivo a mantenere tutta la famiglia. Siamo in cinque. Ora non riesco più. Non sono sposato. Come faccio senza un soldo?". Per ringraziarlo del coraggio e dell'altruismo, Anas è stato ricevuto questa mattina negli uffici dell'Inps.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale