Sparatoria Asti,scontro tra bande rivali

Sindaco Brignolo invita cittadini "a non alimentare mercato"

(ANSA) - ASTI, 15 FEB - E' stata una faida tra bande albanesi rivali per la gestione della prostituzione a portare sabato scorso alla sparatoria in pieno centro ad Asti. Lo ha riferito il capo della Squadra mobile della polizia di Asti, Loris Petrillo. Si è trattato della seconda sparatoria del genere avvenuta in città. La prima era avvenuta il 12 maggio 2014. Una decina i colpi sparati sabato scorso. Quattro hanno colpito un albanese di 27 anni, rimasto gravemente ferito e ricoverato con prognosi riservata all'ospedale di Asti. Secondo il sindaco di Asti, Fabrizio Brignolo, la sparatoria "conferma che l'impegno del Comune e delle forze dell'ordine contro la prostituzione non è solo finalizzato al decoro ma ha un'importanza ben maggiore.
    Gli operatori sociali segnalano che quasi tutte le prostitute di strada sono vittime della tratta". Il primo cittadino ha invitato tutti gli astigiani "a non alimentare un mercato illegale, che è molto dannoso non solo per le donne, ma anche per la sicurezza del territorio".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale