Social avvertono, con emergenza più errori in rimozione video

Con dipendenti a casa screening affidato a sistemi automatici

Redazione ANSA ROMA

L'emergenza coronavirus potrà avere, tra le conseguenze, anche quella di vedere più video e post rimossi per errore dalle piattaforme social. Questo perché la valutazione dei contenuti che violano i termini di servizio sarà affidata in misura maggiore ai sistemi automatici, basati sull'intelligenza artificiale, rispetto ai moderatori in carne ossa, che in gran parte hanno lasciato le loro scrivanie. Ad avvisare sul possibile aumento di errori sono stati Facebook, YouTube e Twitter, alle prese con lo svuotamento degli uffici.

"Nel corso di questa settimana lavoreremo con i nostri partner per mandare a casa tutti i lavoratori a contratto che si occupano di revisione dei contenuti", ha fatto sapere Facebook precisando che i lavoratori saranno pagati. Facendo maggiore affidamento sui sistemi automatizzati, ha aggiunto, "potremmo vedere tempi di risposta più lunghi e fare più errori", ma ciò "non avrà un impatto significativo sui nostri utenti".

Su YouTube, "i sistemi automatizzati per la valutazione dei contenuti non sono sempre così accurati e granulari come i moderatori umani", ha ammesso Google, e i tempi per fare appello contro la rimozione di un video "potrebbero essere più lenti".

L'incremento dell'automazione e i possibili errori sono dichiarati anche da Twitter, che tuttavia assicura: "Non ci saranno sospensioni permanenti di account basate solo sui sistemi automatici".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA