Cei: nuovo concorso per giovani volontari in periferie mondo

Quest'anno i 4 finalisti in India, Madagascar, Albania e Brasile

    "C'è un Paese che aspetta te. Sì, proprio te". È l'invito rivolto dalla Cei ai giovani tra i 20 e i 30 anni che dal 18 marzo al 15 aprile possono partecipare al contest "In Un Altro Mondo" iscrivendosi sul sito www.inunaltromondo.it. La promessa è vivere 30 giorni di ricordi indimenticabili. Promessa finora mantenuta, come racconta chi ha superato le selezioni degli anni precedenti: quattro "inviati speciali" per ogni edizione, 20 in totale su 1.526 candidati.
    Tutti hanno vissuto esperienze forti, umanamente straordinarie nelle periferie del mondo, in 15 opere sostenute con l'8xmille, 720 giorni di emozioni capaci di cambiare la vita.

    "Nelle edizioni precedenti i giovani scelti hanno vissuto in prima persona il lavoro quotidiano di tanti volontari, sacerdoti e suore che si dedicano, in luoghi lontani, ai più poveri in nome di Gesù. E proprio in questi territori essi hanno rappresentato l'Italia, un Paese capace di realizzare progetti concreti per chiunque abbia bisogno di ritrovare dignità e rispetto", afferma Matteo Calabresi, responsabile del Servizio Promozione Sostegno Economico. "Gli interventi finanziati dalla Cei in zone in via di sviluppo con i fondi dell'8xmille hanno lo scopo di promuovere lo sviluppo integrale della persona. Tra le tante finalità: alfabetizzazione, formazione professionale in campo sanitario, ma anche agricolo-ambientale ed economico.

    Ogni anno scegliamo 4 opere rappresentative delle oltre 15.000 finanziate finora", sottolinea Calabresi. "Nell'agosto del 2018 Alice è andata in Brasile, impegnata in attività ludiche e di formazione professionale per ragazze madri provenienti dalle favelas; Chiara in Giordania si è dedicata in progetti di aiuto alle povertà locali e sostegno a profughi e rifugiati; Elena è stata inviata in Madagascar in una comunità di giovani che vivono in situazioni di disagio e Rachele in Palestina è stata chiamata per dare assistenza ad anziani e fare animazione per bambini delle scuole materne".

    Quest'anno l'esperienza di volontariato dei quattro finalisti, da documentare con foto e commenti quotidiani da postare sul web ad agosto, si svolgerà in India con Caritas italiana, in un progetto di ricostruzione dopo le inondazioni in Kerala; in Madagascar, in una scuola per bambine povere delle suore della Congregazione di San Giovanni Battista; in Albania con "RTM-volontari nel mondo", in un progetto di sviluppo e valorizzazione dell'agricoltura familiare ed infine in Brasile, in una casa per ragazze madri dell'Associazione "Maria Mae de Vida".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: