Papa: a Roma degrado,tanti in difficoltà

Chi grida più forte riscuote consenso, non ci contagi arroganza

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Tutti sono chiamati a mettersi in gioco per sollevare i più fragili in una Roma "che soffre di degrado". Lo ha detto il Papa nella messa del Corpus Domini a Casal Bertone, nella periferia di Roma. "Nella nostra città affamata di amore e di cura, che soffre di degrado e abbandono, davanti a tanti anziani soli, a famiglie in difficoltà, a giovani che stentano a guadagnarsi il pane e ad alimentare i sogni, il Signore ti dice: 'Tu stesso dà loro da mangiare'" e "il tuo poco è tanto agli occhi di Gesù se non lo tieni per te, se lo metti in gioco". "È triste vedere con quanta facilità oggi si maledice - ha detto ancora il Papa -, si disprezza, si insulta. Presi da troppa frenesia, non ci si contiene e si sfoga rabbia su tutto e tutti. Spesso purtroppo chi grida di più e più forte, e chi è più arrabbiato sembra avere ragione e raccogliere consenso. Non lasciamoci contagiare dall'arroganza". "Non lasciamoci invadere dall'amarezza", è stato l'appello del Papa, "il popolo di Dio ama la lode, non vive di lamentele".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA