Percorso:ANSA > Nuova Europa > Cultura e Società > Romania: +32% casi di disboscamento illegale nel 2017

Romania: +32% casi di disboscamento illegale nel 2017

Danni per lo Stato toccano i nove milioni di euro

17 settembre, 19:36
(ANSA) - BELGRADO, 17 SET - Il fenomeno del disboscamento illegale è in aumento in Romania, in passato uno dei Paesi con la maggiore copertura boschiva in Europa.

Secondo dati di recente resi pubblici da Greenpeace, un totale di 12.487 casi di disboscamento illegale sono stati registrati in Romania nel 2017, +32% rispetto al 2016. L'anno scorso, ha precisato Greenpeace, sono stati in media 34 i casi di disboscamento illecito segnalati ogni giorno, in particolare da cittadini, come nella regione di Dolj, dove il 57% delle denunce è arrivata proprio da residenti. Nel 2017, lo Stato romeno ha perso quasi nove milioni di euro (+5,2% anno su anno) a causa dei danni causati provocati dal fenomeno.

In aumento sono anche le denunce penali contro chi disbosca senza permessi: l'anno scorso sono state 8.461, +62% rispetto al 2016. In crescita pure le confische di veicoli usati per il disboscamento (1.465, +27,8%). Secondo studi di Greenpeace, l'area coperta da foreste in Romania si è drasticamente ridotta nel ventesimo secolo, scendendo al 28,9%, meno della media europea - attualmente al 43% - e molto al di sotto della quota ideale per il Paese, calcolata intorno al 45%. Dal 2000 al 2011, sono stati circa 360mila gli ettari disboscati o degradati causa taglio senza permessi dei boschi, ha denunciato Greenpeace, auspicando che il ministero romeno delle Foreste e delle Acque sviluppi un database completo delle aree boschive per "comprendere la reale estensione" del problema del "disboscamento illegale". (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: