Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Amb. tedesco, nostre economie rallentano ma non è crisi

Amb. tedesco, nostre economie rallentano ma non è crisi

Elbling a Udine. Con Italia torneremo a crescere

05 novembre, 20:01
(ANSA) - UDINE, 5 NOV - "Non parlerei di crisi, quanto di rallentamento dell'economia tedesca, a causa di questioni internazionali che pesano sull'export sia dell'Italia, sia della Germania, due Paesi fortemente esportatori dell'Ue. Un rallentamento che ha effetti sui partner più stretti, ma non sono così pessimista sul futuro, perché siamo entrambi molto solidi e torneremo alla crescita molto velocemente". Lo ha detto oggi a Udine l'ambasciatore tedesco in Italia, Viktor Elbling, in visita nel capoluogo friulano, dove ha incontrato il sindaco Pietro Fontanini e il rettore dell'Università degli Studi di Udine, Roberto Pinton, nonché l'assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli. "Dai nostri incontri - ha proseguito il diplomatico - è emersa una cooperazione storicamente molto stretta, non solo politica, ma anche economica e culturale. Ci sono scambi molto intensi tra le università italiane e tedesche - ha aggiunto - come tra Udine e nostri atenei". Le aziende, ha proseguito l'ambasciatore che ha incontrato anche la locale Confindustria, hanno una forte integrazione con l'industria tedesca. Ci sono tanti progetti comuni, ha infine concluso: "dobbiamo cercare semplicemente di rendere più facili gli investimenti in tutti i settori, perché abbiamo chance nella logistica, e penso al porto di Trieste, come nel campo della mobilità e dei trasporti".

I forti legami tra i due Paesi e tra Germania e Friuli Venezia Giulia in campo di cultura, turismo e logistica sono stati sottolineati dall'assessore regionale Zilli. "Questa regione ha sempre avuto una vocazione a guardare al nord Europa - ha detto - e la sfida è sviluppare nuove relazioni importanti con momenti di condivisione". "L'alta formazione e le università - ha aggiunto dal canto suo il rettore Pinton - spesso non vengono prese in considerazione negli accordi internazionali, mentre l'ambasciatore si è detto d'accordo che con la mobilità studentesca e titoli accademici comuni, e obiettivi condivisi, ci sono le migliori condizioni per creare una solida unione e collaborazione a livello europeo". Il sindaco di Udine, Pietro Fontanini, soddisfatto di questa visita, ha sottolineato che "è la prima volta che l'ambasciatore tedesco viene a Udine, una città dove ogni giorno arriva una corriera di turisti dalla Germania". Il primo cittadino ha poi ricordato il duraturo gemellaggio di Udine con la città tedesca di Esslingen, "con scambi tra gli studenti delle due città - ha spiegato -, un gemellaggio di cui l'ambasciatore si è detto convinto sostenitore". (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati