Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Libertà stampa: Fond.Adenauer, per indipendenti è difficile

Libertà stampa: Fond.Adenauer, per indipendenti è difficile

Spahr in Sofia per il South East Europe Media Forum

03 dicembre, 16:45
(ANSA) - SOFIA, 3 DIC - La Bulgaria "è un caso interessante perché è un Paese in cui è molto basso il rank riguardante la libertà di stampa, ma non perché i giornalisti vengano messi in prigione come avviene in Turchia o in altri Paesi". E' il pensiero di Christian Spahr, direttore del Media Program Sud Est Europa della Fondazione Konrad Adenauer, espresso all'ANSA a margine di "Public discourse in Europe: Can media help to save democracy?", una due-giorni di conferenza internazionale Seemf, sull' argomento organizzata da South East Europe Media Organisation (SEEMO; Vienna), Konrad Adenauer Stiftung (Berlin), Central European Initiative (Cei; Trieste).

In alcuni Paesi della regione balcanica la libertà di stampa è compressa. Qual è il suo pensiero in merito, in particolare per la Bulgaria? "La Bulgaria è un caso interessante perché è un Paese in cui è molto basso il rank riguardante la libertà di stampa, ma non perché i giornalisti vengano messi in prigione come avviene in Turchia o in altri Paesi. Qui la situazione è differente perché gli oligarchi sono proprietari dei media, che non hanno interesse a sviluppare un giornalismo indipendente.

Essi utilizzano i media come strumenti di public relations.

Questo crea difficoltà, ovviamente, ma c'è ancora la possibilità di scrivere ciò che si vuole, c'è la possibilità di creare nuovi media e noi dobbiamo incoraggiare il giornalismo indipendente che vuole avviare i propri progetti, aumentare il pluralismo.

Dobbiamo parlare con i rappresentanti dei media".

D'altronde, questo è anche parte del compito della Fondazione Adenauer. "Certo. Noi della KAS offriamo formazione proprio per il giornalismo investigativo e anche per altri gruppi di giornalisti. E' importante tenere conferenze pubbliche per lavorare insieme, per alzare il livello standard comune nel settore. Dobbiamo discutere e farlo in pubblico, perché non si dimentichi". (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: