Percorso: Motori > Speciali > Eicma: design e motocicletta, il mito oltre la meccanica

Eicma: design e motocicletta, il mito oltre la meccanica

Successo di un modello tra estetica,funzionalità, prestazioni

05 novembre, 16:57
Il Presidente di Confindustria ANCMA, Corrado Capelli Il Presidente di Confindustria ANCMA, Corrado Capelli

RHO-PERO (MILANO) - Se certe motociclette e certi scooter sono diventati emblemi, icone di un'epoca di una cultura e di un certo life style, le ragioni non sono da ricercare nelle prestazioni o nelle raffinatezze meccaniche. Qualche volta - viene da pensare facendo un giro su uno di questi monumenti a due ruote - neanche nella comodità o nella praticità d'uso. E' il design che decide, l'immagine quella che fa diventare di moda una 2ruote e che qualche volta la trasporta nell'immortalità, nel desiderio di possederla prima o poi. Ed era inevitabile che di stile e di design si parlasse a Eicma del centenario, l'esposizione mondiale del motociclo alla Fiera di Milano, in un appuntamento intitolato a "Design and Motorcycles: a love affair".

   Riflettori puntati, questa volta, sul design e sugli aspetti giuridici legati alla difesa della proprietà intellettuale in Europa e nel mondo. Specialisti del design e addetti ai lavori come Marco Lambri (Director of Piaggio Group Design Centre), Andrea Ferraresi (Director of Ducati Design Centre), Martin Petersson (CRF450 Rally chief designer), e altri ancora, hanno spiegato in che modo funzionalità ed estetica - in sintesi, il design - sono declinati con successo nelle varie espressioni del settore: dalle moto e scooter ai caschi, dagli accessori all'abbigliamento per moto. E la tutela del design diventa quindi un elemento fondamentale per proteggere un asset altrettanto fondamentale sul quale l'industria, tanto più quella italiana, fa affidamento per garantirsi un futuro in uno scenario internazionale sempre più competitivo. L'attualità quindi è la parte normativa legata alla tutela della proprietà intellettuale messa in atto dalla Commissione Europea.

   "Oggi più che mai fare attenzione all'estetica significa marcare la differenza. Soprattutto in un mercato molto variegato e diversificato - ha detto il Presidente di Confindustria ANCMA Corrado Capelli -. Porre l'accento sul dettaglio dello stile moto e accessori aiuta l'impresa a creare il proprio brand e ad essere riconoscibile. Spesso si pensa che l'investimento debba essere dedicato ad elementi di carattere puramente tecnologico. Ma se è vero che l'innovazione genera competitività, è altrettanto vero che l'attenzione nei confronti del design crea fidelizzazione e posizionamento sul mercato". Regole insomma che per le moto sfuggono alla razionalità: affari di cuore appunto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA