Percorso: Motori > Speciali > Eicma, con Bicicletto torna in vita azienda chiusa nel 1947

Eicma, con Bicicletto torna in vita azienda chiusa nel 1947

Veicolo ibrido ispirato alle moto leggere degli anni cinquanta

04 novembre, 19:38

RHO-PERO (MILANO), 4 NOV - Eicma, il salone mondiale del ciclo e motociclo per la sua centesima edizione, tiene a battesimo la rinascita della Società Piemontese Automobili, Spa, marchio pioniere dell'automobilismo italiano nato nel 1906 e chiuso ormai dal lontano 1947. L'azienda che dal 1926 era di proprietà della Fiat si era distinta per la produzione di mezzi per l'Esercito e per la produzione di motori d'aereo. Il prodotto della resurrezione però non è un'automobile né un mezzo militare ma una ecologica e moderna bicicletta a pedalata assistita, il Bicicletto, un ibrido dalla linea ispirata alle moto leggere degli anni cinquanta, quelle che si avviavano pedalando. Si tratta di una due ruote elettrica realizzata con l'uso di fibra di carbonio, spinta, nella versione prodotta per i mercati esteri, da un motore elettrico da 500 W col quale ottiene una velocità massima di 45 km/h. Troppi per essere una bicicletta nel nostro paese dove dovrebbe essere targata e assicurata proprio come un ciclomotore. Per l'Italia è quindi pronta una versione da 250 W di potenza funzionante solo con la pedalata assistita.
L'idea di far rivivere il marchio Spa si deve a due giovani imprenditori che però non nascondono che il loro obiettivo è quello di tornare a produrre automobili. Di alto di gamma, magari anche modelli unici, ma orientati comunque alle auto ibride o totalmente elettriche. Insomma Bicicletto è solo la prima tappa di un cammino che riprende e ha come traguardo i principali saloni automobilistici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA