Percorso: Motori > Speciali > Un pieno con due euro, si può con Kia Soul Eco-Electric

Un pieno con due euro, si può con Kia Soul Eco-Electric

210 km di autonomia con le batterie a polimeri di ioni di litio

28 ottobre, 20:30
Un pieno con due euro, si può con Kia Soul Eco-Electric Un pieno con due euro, si può con Kia Soul Eco-Electric

MILANO - Ultima arrivata nel settore delle auto 100% elettriche, la nuova Kia Soul Eco-Electric porta in questo segmento tutti gli aggiornamenti che il mondo della componentistica (con le batterie in primo piano) ha introdotto negli ultimi anni. Uno dei principali punti di forza della versione EV del B-Suv Soul è costituito dalla riserva di energia. Dotata di un motore elettrico da 81,4 kW (pari a 110,7 Cv) che eroga 285 Nm di coppia, la Soul Eco Electric dispone infatti di un pacco batterie del tipo a polimeri di ioni di litio della capacità di 27 kWh collocato nel pianale, in modo da non interferire con lo spazio a disposizione per l'abitacolo.


Kia ricorda, a titolo di confronto, che la capacità delle batterie dell'auto elettrica più diffusa in Italia, la Nissan Leaf, è pari a 24 kWh mentre quella della Renault Zoe arriva a 22 kWh. L'autonomia massima è pari ad oltre 210 km, grazie all'elevata densità di energia (il rapporto fra energia contenuta e peso della batteria) pari a 200 Wh/kg. Un gruppo che è stato sviluppato in anni di ricerche congiunte fra Kia Motors e SK Innovation con l'obiettivo di ottenere la massima efficienza e garantire la funzionalità anche a temperature estreme, molto alte o molto basse. Il pacco batterie nella Soul pesa 282 kg, valore più contenuto - sempre secondo le rilevazioni di Kia - rispetto alla Zoe (290 kg) ed alla Leaf (294 kg).

L'utilizzo delle batterie a polimeri di ioni di litio ha inoltre consentito un minor ingombro (grazie alla possibilità di conformare il pacco accumulatori nella forma più opportune) con una struttura più semplice e un costo inferiore, a tutto vantaggio dell'abitabilità e dello sfruttamento dello spazio a bordo. Lo sviluppo della Soul Eco-Electric ha puntato anche ad ottimizzare il recupero dell'energia in frenata per assicurare la massima autonomia possible. Il sistema è regolabile su due modalità alle quali corrispondono altrettanti livelli di effetto frenante e rigenerazione da parte del motore: Drive, Brakes, (massima decelerazione in rilascio. Ciascuna modalità viene ottimizzata, a richiesta, con il programma Eco-mode per ottenere il massimo di efficienza e di autonomia possibili regolando automaticamente tutte le funzioni, dal motore al sistema di climatizzazione. Uno speciale circuito di riscaldamento controlla la temperatura di esercizio delle batterie e migliora l'efficienza della ricarica anche a bassissime temperature.

La Soul Eco-Electric può essere ricaricata con una normale presa di corrente o a una stazione di ricarica attraverso due connessioni standard SAE J1772 e CHAdeMo fornite con la vettura.

La ricarica rapida (80%) con corrente continua da 100 kW si effettua 25 minuti mentre con una presa a 220 Volt occorrono 5 ore, con una spesa - secondo Kia - attorno ai 2 euro.

Le modifiche apportate alla piattaforma della Soul di serie (5 rinforzi imbullonati al fondo del pianale per supportare il pacco batterie) hanno aumentato, assieme all'impiego di acciai speciali ad alta resistenza (passati da 35 al 37,1% del totale) la rigidità torsionale del 27%, a tutto vantaggio delle prestazioni dinamiche. Telaio 'sportivo' e baricentro molto più basso rendono la guida della Soul Eco-Electric una esperienza 'diversa' e molto appagante, anche se manca il rombo di un motore da GTI. La velocità massima è forzatamente contenuta in 145 km/h, ma l'accelerazione (da 0 a 100 km/h in meno di 12 secondi) è immediata, tanto che nei primi 50 metri questo divertente B-Suv a impatto zero si permette il lusso di lasciare indietro molte sportive 'termiche'. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA