Percorso: Motori > Speciali > Tempo di pneumatici invernali, ecco dove c'è l'obbligo

Tempo di pneumatici invernali, ecco dove c'è l'obbligo

Andrea Vergani di Pirelli spiega caratteristiche e utilizzo

26 novembre, 12:01
Andrea Vergani, responsabile dell’area Testing indoor di Pirelli Andrea Vergani, responsabile dell’area Testing indoor di Pirelli

In alcune zone d'Italia e sulle principali autostrade e strade extraurbane, sono entrate in vigore le ordinanze che prevedono l’obbligo di utilizzare gomme invernali o di avere catene da neve a bordo. Un rompicapo per gli automobilisti che si devono orientare tra regolamentazioni spesso in contraddizione tra una zona e l’altra. Una mappa completa delle province e dei comuni che hanno introdotto l’obbligatorietà degli pneumatici invernali è disponibile sul sito http://www.pirelli.com/tyre/it/it/car/genericContent/ordinanze-invernali.html, aggiornato in tempo reale e completo di tutte le informazioni necessarie. Ma al di là dell’obbligatorietà, prevista dal Codice della Strada e che se disattesa prevede sanzioni pecuniarie, un equipaggiamento invernale è la soluzione ottimale per circolare  in tranquilllità in autunno e inverno. Gli pneumatici, infatti, sono gli unici elementi di contatto tra veicolo e strada, e rappresentano quindi un alleato prezioso per la sicurezza di chi guida, dei passaggeri e di tutti gli altri utenti della strada. 
Per capire meglio le caratteristiche e l’utilizzo delle cosiddette gomme invernali o stagionali, ci siamo rivolti a un esperto in materia: Andrea Vergani, responsabile dell’area Testing indoor di Pirelli.

In molti dicono che, utilizzando l’auto solo in città, non vedono la necessità dell’uso di gomme invernali. E’ corretto?
In pochissimi sanno che a temperature inferiori ai 7°C il pneumatico invernale garantisce prestazioni di aderenza superiori a quelle del pneumatico estivo anche in assenza di neve. Gli pneumatici stagionali, montati già in autunno, consentono di guidare serenamente anche su fondo asciutto  e  umido. Nel corso della cattiva stagione, una superficie stradale umida è infatti una condizione frequente anche con tempo sereno, soprattutto la mattina e la sera. Le gomme invernali assicurano la massima tenuta anche in queste condizioni poiché sono realizzate con mescole speciali, pensate per le basse temperature, e presentano un  particolare disegno  battistrada, che  riduce il fenomeno dell'aquaplaning, ovvero della perdita di aderenza su superfici appunto bagnate.
 
Come funziona una gomma invernale?
Le gomme invernali differiscono da quelle estive  per molti aspetti. Prima di tutto, per il loro specifico disegno battistrada,  caratterizzato da intagli profondi e multidirezionali, concepiti per espellere meglio l’acqua e “aggrapparsi” alla neve. Tali incavi  consentono allo pneumatico di aderire perfettamente alla strada, garantendo la necessaria tenuta in curva e il giusto bilanciamento della vettura. Un ulteriore elemento distintivo sta nelle mescole. Quelle utilizzate per gli pneumatici invernali contengono  polimeri capaci di mantenere le doti di aderenza  anche a temperature molto basse. Dai testi effettuati dai nostri tecnici è emerso che gli invernali consentono di ridurre lo spazio di frenata in maniera consistente rispetto agli estivi: -10% su pioggia a basse temperature e -20% su neve.
Meglio le gomme invernali o le catene?
Pur essendo previste entrambe dalle ordinanze, le gomme invernali presentano maggiori  vantaggi rispetto alle catene.  A parità di velocità, al di sotto dei 7°C, gli pneumatici invernali forniscono migliori performance mantenendo lo stesso comfort di guida delle estive. Oltretutto, se le condizioni lo consentono, permettono di viaggiare a velocità medie superiori . I mezzi con catene, infatti, per legge non possono superare i 50 km/h. Ma soprattutto, una volta montati a inizio stagione, gli pneumatici stagionali consentono di viaggiare su strade asciutte, umide, bagnate o innevate con la massima tranquillità e non ci espongono a soste improvvise in luoghi disagevoli o peggio pericolosi  a causa di imprevisti cambiamenti delle condizioni atmosferiche. Va ricordato, però, che su alcune superfici stradali particolarmente severe con neve alta o ghiaccio è consigliato l’uso combinato di pneumatici invernali e catene.
 
Sappiamo quando bisogna montare le gomme invernali, ma quando bisogna sostituirle con le estive?
La legge non vieta l’uso di gomme invernali nella stagione calda, ma è scongliabile dal punto di vista della sicurezza e del portafoglio. Assicurano, infatti, una guida meno precisa e si consumano più rapidamente. Quindi è opportuno sostituirle con gomme estive quando scadono le ordinanze che rendono obbligatorie  le gomme invernali.
Montare un treno di invernali è un costo aggiuntivo per i consumatori?
Si tratta di un investimento iniziale per la nostra sicurezza, ma non è un costo aggiuntivo. Nel momento in cui si montano gli pneumatici invernali quelli estivi vengono conservati e non si consumano. Al cambio di stagione, si ripassa poi agli estivi e si conservano gli invernali.  Considerato che mediamente si effettua almeno un cambio gomme nel corso di tre o quattro anni, comprare un treno di gomme estive e uno di invernali, anziché un secondo set di estive, non cambia sostazialmente i conti in tasca degli automobilisti, che ne guadagnano sicuramente in sicurezza e tranquillità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA