Percorso:Motori > Prove e Novità > Suzuki Celerio, 5 posti comodi in soli 3,6 metri

Suzuki Celerio, 5 posti comodi in soli 3,6 metri

Già disponibile sul mercato, emette meno di 100 g/km di CO2

18 novembre, 20:31
Suzuki Celerio, 5 posti comodi in soli 3,6 metri Suzuki Celerio, 5 posti comodi in soli 3,6 metri

(di Alessandro Vai)

TORINO, 18 NOV - In un momento in cui anche tra le citycar imperversa la tendenza a (volere) essere premium, Suzuki ha scelto la via della concretezza con la Celerio, una piccola di 3,60 metri, che ha un ottimo rapporto qualità/prezzo, tanto spazio a bordo e un motore brillante ma dai consumi contenuti.

"Il segmento delle citycar in Italia vale il 19% dell'immatricolato, il dato più alto d'Europa - ha commentato Massimo Nalli, Direttore Generale Auto Suzuki - e noi, come primo costruttore a mondo di kei car, siamo particolarmente esperti in materia". In effetti la Celerio stupisce per il rapporto tra dimensioni esterne (3,60 metri di lunghezza) e spazio interno, si sta comodi sia davanti che dietro, anche con corporature più abbondanti della media e l'accessibilità è agevolata dalle porte che si aprono con un angolo di 83 gradi; il bagagliaio, poi, ha una capienza di 254 litri, secondo Suzuki la migliore della categoria, dove anche i cinque posti di serie, che la Celerio offre, non sono così comuni. Già disponibile sul mercato, la versione base 'L' costa 8.990 euro e ha di serie tutti i dispositivi di sicurezza necessari. Certo, è difficile rinunciare a equipaggiamenti come il climatizzatore, i vetri elettrici e i sedili regolabili in altezza, così è quasi scontato passare all'allestimento Easy - 10.490 euro, ma in offerta a 8.990 euro fino al porte aperte di fine gennaio - che comprende anche la radio mp3 con Bluetooth e presa USB. Per i più esigenti, invece, c'è la Style che aggiunge anche i cerchi in lega, i fendinebbia, i vetri posteriori elettrici, l'impianto audio premium, gli specchietti in tinta e gli airbag a tendina, che portano il totale a sei.

È proprio l'assenza di questi airbag su tutte le versioni, unitamente a qualche piccola mancanza come il limitatore di velocità o i segnalatori delle cinture non allacciate su tutti i posti, che ha portato la Celerio ad ottenere solo tre stelle nei crash test Euro NCAP. L'ente indipendente per la sicurezza, infatti, ha riscontrato che la struttura della piccola Suzuki è assai resistente e non presenta alcun tipo di criticità, anzi si è comportata molto bene nei test con il seggiolino per i bambini fino a 18 mesi; tuttavia, la mancanza degli airbag a tendina di serie non ha permesso di svolgere il test di urto laterale contro il palo, con un conseguente ammanco di punti nel punteggio finale.

Ad ogni modo la Celerio è un'auto totalmente sicura e il comportamento stradale sano e prevedibile ne è ulteriore conferma. Del resto il telaio è stato completamente riprogettato rispetto a quelli delle altre piccole Suzuki e ha portato anche ad un consistente alleggerimento, tanto che la massa dell'auto è di 880 kg. Una leggerezza che fa bene ai consumi (4,3 L/100 km) e alle emissioni (99 g/km di CO2), ma il merito è anche del Cx di 0,32 e del 'mille' tre cilindri benzina da 68 CV. Questo motore rimarrà l'unico disponibile fino ad aprile, quando arriverà anche una sua evoluzione, con alimentazione a doppia iniezione diretta-indiretta, distribuzione a fasatura variabile e rapporto di compressione elevato. Con questo propulsore, chiamato 1.0 VVT (K10C per la nomenclatura interna Suzuki, mentre K10B è quello tradizionale), le emissioni scendono addirittura a 84 g/km e i consumi a 3,6 L/100 km. Nel corso del 2015 arriverà anche la versione bi-fuel a GPL, realizzata insieme a BRC e attualmente in corso di omologazione, mentre da aprile 2015 sarà disponibile anche il cambio robotizzato a 5 rapporti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA