Percorso:Motori > Prove e Novità > Los Angeles Show, torna l'icona Ford Shelby GT350 Mustang

Los Angeles Show, torna l'icona Ford Shelby GT350 Mustang

Versione ultraperformante da 500 Cv, ispirata al modello del '65

18 novembre, 20:33
Los Angeles Show, torna l'icona Ford Shelby GT350 Mustang Los Angeles Show, torna l'icona Ford Shelby GT350 Mustang

ROMA - Torna una delle icone tra le auto sportive made in Usa: Ford ha presentato questa notte, in un'anteprima rispetto al lancio che avverrà il 20 novembre al Los Angeles Auto Show, la nuova Shelby GT350 Mustang, versione 'ultra performante' della GT dell'Ovale Blu che andrà a completare in 'alto' la gamma recentemente rinnovata della GT che viene importata anche in Europa.

Sotto al cofano della Shelby GT350 Mustang un nuovo motore V8 di 5,2 litri che, con i suoi 500 Cv, è il più potente motore aspirato mai prodotto da Ford. ''Progettata per affrontare le strade più impegnative del pianeta - così viene definita questa nuova versione della Mustang - la Shelby GT350 è una macchina da usare in pista tutti i giorni ma è anche omologata per circolare su strada''. Oltre che per il motore ad alte prestazioni, la Shelby GT350 Mustang si distingue per numerose modifiche legate alle sue capacità dinamiche, come i freni Brembo da 394 mm di diametro con 6 pistoncini all'avantreno e da 380 mm con quattro pistoncini al retrotreno. Le ruote da 19 pollici con canale da 10,5 pollici davanti e 11 pollici dietro sono equipaggiate con una speciale versione del Michelin Pilot Super Sport, modificata nella 'spalla' e con una mescola per il battistrada che è adatta sia alla strada che alla pista. Nella Shelby GT350 Mustang debuttano, per la prima volta in una Ford, anche gli ammortizzatori MagneRide a controllo continuo, una soluzione che permette di adattare la risposta delle sospensioni alle necessità dinamiche con la regolazione automatica della taratura ogni 10 millisecondi. Le superiori caratteristiche di 'handling' di questa nuova versione derivano dalle doti di base della struttura della ultima generazione della Mustang GT (con rigidità torsionale aumentata del 28% rispetto al precedente modello) e da specifici interventi. E' il caso di elementi in fibra di carbonio, come l'elemento frontale e la barra che unisce i duomi delle sospensioni, che aumentano ulteriormente la rigidità. Per le modifiche alla carrozzeria i progettisti Ford hanno invece fatto ampio ricorso all'alluminio, materiale leggero che si trova nel cofano, nei parafanghi e negli altri elementi aerodinamici, alcuni con funzione di 'estrattore'. L'auto è più bassa di 2 pollici (50 mm) rispetto alla normale Mustang GT e ben più larga, in funzione della diversa gommatura.

Tutto ispirato al mondo racing anche l'abitacolo della Shelby GT350 Mustang, con sedili da competizione, strumentazione specifica e comandi tutti a portata di mano, compreso il Driver Control System che permette di 'personalizzare' l'ABS, il controllo di stabilità, la risposta dello sterzo, il controllo della trazione, la mappatura dell'acceleratore, la regolazione degli ammortizzatori MagneRide e perfino il rumore dello scarico. La prima Ford Mustang a portare il nome Shelby GT350 era stata presentata nel 1965, sulla scia dei successi e della grande popolarità del pilota Carrol Shelby (aveva gareggiato negli Anni '50 anche al volante delle Maserati) e delle auto da competizione sfornate dopo il suo abbandono delle gare, come l'AC Cobra, la Daytona Coupé e la Ford GT40.)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA