Percorso:Motori > Prove e Novità > Si chiama Mirai (Futuro) nuova Toyota fuel cell a idrogeno

Si chiama Mirai (Futuro) nuova Toyota fuel cell a idrogeno

Presentata in video dal presidente Gruppo giapponese Akio Toyoda

18 novembre, 20:36
Si chiama Mirai (Futuro) nuova Toyota fuel cell a idrogeno Si chiama Mirai (Futuro) nuova Toyota fuel cell a idrogeno

ROMA - Con un messaggio video diffuso oggi in tutto il mondo Akio Toyoda, presidente del Gruppo Toyota, ha svelato un giorno prima del debutto al Salone di Los Angeles il nome - Mirai, cioè Futuro - della vettura fuel cell a idrogeno che verrà commercializzata in tutto il mondo. Questo modello - ha detto Toyoda - ''rappresenta un punto di svolta nel settore dell'automobile, grazie al quale i clienti potranno apprezzare una nuova vettura, estremamente rispettosa dell'ambiente, ma che trasmette anche un grande piacere di guida. Un punto di svolta - ha ribadito il presidente di Toyota - grazie al quale una vettura può viaggiare per quasi 500 km con un pieno di idrogeno, può essere rifornita in meno di cinque minuti ed emettere solo vapore acqueo. Tutti noi, in Toyota crediamo in un futuro che sarà più sicuro, più attento all'ambiente e più semplice per tutti. Siamo partiti immaginando un mondo in cui circolino veicoli che diminuiscano la nostra dipendenza dal petrolio, e riducano l'impatto sull'ambiente. Era un obiettivo ambizioso, ma al tempo stesso una sfida. E oggi è diventato una realtà''. Ed ha aggiunto con grande orgoglio: ''Il nostro veicolo a celle a combustibile si muove grazie all'idrogeno, che virtualmente può essere prodotto da qualunque sostanza, anche dai rifiuti. È equipaggiato con un pacco di celle a combustibile che potrebbe fornire elettricità sufficiente per una settimana per mandare avanti un'abitazione. È una vettura che non lascia spazio ad alcun compromesso. Crediamo che alla guida di una Mirai - ha concluso Toyoda - sia possibile arrivare a traguardi che non avevamo ancora immaginato, verso un mondo migliore, a bordo di una macchina migliore''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA