Percorso:Motori > Prove e Novità > Porsche Carrera 911 GTS, unico limite è il prezzo

Porsche Carrera 911 GTS, unico limite è il prezzo

Coupé e Cabrio, lusso che ‘vola’ a 304 km/h

17 novembre, 15:57
Porsche Carrera 911 GTS, unico limite il prezzo Porsche Carrera 911 GTS, unico limite il prezzo

(di Valerio Monaco)

PASADENA - Prova su strada e pista, in California, per la seconda generazione Porsche 911 Carrera GTS, una sportiva pura, il cui unico limite è il prezzo. A ben guardare, però, non è poi una cifra così alta, se di tiene conto dei costi delle concorrenti e di ciò che la vettura offre in termini di lusso, comfort, qualità, dotazioni, efficienza e prestazioni. In Italia la nuova sportiva tedesca è disponibile da Novembre, con carrozzeria Coupé e Cabriolet, trazione posteriore o integrale e un listino che parte da 121.529 Euro, inclusa IVA e dotazioni. ''Nella nuova Carrera GTS - spiega Thomas Becki responsabile prodotto, tecnica e stampa della Porsche - abbiamo voluto trasfondere l'essenza delle esperienze e tecnologie 911. Inoltre la Carrera GTS va a colmare un vuoto tra le 911 Carrera S e GT3 proponendosi come una sportiva stradale perfetta anche per l'uso in pista''. Sulla decisione di metterla in produzione, però, deve aver pesato l'arrivo della nuova Mercedes AMG GT, una concorrente che promette successo e guadagni. Lo stile 911 GTS ricalca, come in passato, le linee della Carrera 4, con passaruota allargati, ruote da 20 pollici, serrate con il mono-dado centrale, per perdere peso. Sul frontale spiccano i fari Bi-Xenon con cristalli scuri equipaggiati con il PDLS (sistema dinamico luci), mentre i listelli della presa d'aria e gli scarichi sono in colore nero.

Ogni dettaglio dell'abitacolo è rifinito in pelli pregiate, alluminio e carbonio, mentre i sedili anatomici 'abbracciano' il corpo offrendo comodità e sicurezza a ogni andatura. Nella plancia, in classico 'Porsche style', trova posto l'evoluzione digitale dei classici strumenti circolari, un classico volante a tre razze e, alla sua sinistra, la chiave di accensione, memoria delle Porsche storiche della ventiquattro Ore di Le Mans. A centro plancia un grande display digitale a colori permette gestire dati, funzioni e un navigatore che ci saremmo aspettati più preciso ed efficiente. Dal tunnel centrale emerge la 'cloche' del cambio manuale o dell'impeccabile, velocissimo e preciso automatico/sequenziale PDK a 7 marce con doppia frizione, a cui si affianca l'efficacia del differenziale autobloccante e del PTV (Porsche Torque Vectoring). Sotto il cofano posteriore ruggisce un classico motore 6 cilindri boxer da 3,8 litri, con 430 Cv di potenza e 440 Nm di coppia che può lanciare la GTS a 306 km/h, con accelerazioni da 0 a 100 km/h in 4.0 secondi, consumi medi contenuti in 8,7 litri/100 km e da 202 g/km di emissioni. Sul tunnel trovano posto le pulsantiere del sistema attivo delle sospensioni PASM che nella GTS comporta un assetto ribassato di 10 mm. L'impianto frenante efficace e instancabile dispone di dischi da 340 e 330 mm con pinze monoblocco a 6 pistoncini e assistente alla frenata PSM. Forse qualcuno potrebbe lamentare la rigidità delle sospensioni, ma è il prezzo da pagare per le prestazioni e la sicurezza garantite.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA