Percorso:Motori > Prove e Novità > Vw Golf, la 'regina' da 40 anni amata da famiglie italiane

Vw Golf, la 'regina' da 40 anni amata da famiglie italiane

Dal 1974 vendute 30 milioni di unità di cui 2,4 in Italia

14 novembre, 13:12
Primi 40 anni della Golf Primi 40 anni della Golf

(di Valerio Monaco)

VERONA - I primi 40 anni della Golf, consegnano alla storia la regina delle due volumi compatte d'Europa, incoronata da un volume pari a 30 milioni di unità vendute dal 1974, di cui 2,4 milioni in Italia. "Solo la quota nazionale - dice all'ANSA Andrea Alessi, direttore Volkswagen Italia - significa che circa 60.000 famiglie italiane sono entrate ogni anno in possesso di una nuova Golf. La berlina di Wolfsburg, continua il manager, è la vettura dei record, come dimostrano le cinque alimentazioni disponibili, tra cui il metano, l'elettrico e l'ibrido plug-in. E se in Italia il modello più venduto continua ad essere la Golf TDI turbodiesel, si fa strada il nuovo trend della Golf a metano che conquista un sorprendente 30% sul totale del modello''. Dalla prima Golf I, uscita da Wolfsburg il 29 marzo 1974, all'attuale Golf VII, presentata a settembre 2012, la compatta VW ha recitato il ruolo di paladina del progresso tecnologico, rendendo da sempre disponibili le tecnologie più innovative, come il turbo, l'iniezione diretta, la propulsione elettrica o ibrida plug-in, i sistemi di sicurezza ABS, ESC, XDS e la trazione integrale 4Motion. Nei primi 40 anni la gamma Golf si è evoluta. Da un'unica due volumi affiancata dalle sue 'derivate', si è trasformata nell'attuale linea di prodotto, capace di soddisfare ogni tipologia di utenza del segmento C. "Rispetto al passato - spiega Alessi - la gamma Golf dispone di modelli nuovi capaci di allargare l'orizzonte della clientela VW. Lo confermano la nuova monovolume Sportsvan e la familiare Variant". La Golf Sportsvan, ad esempio, è l'erede della Golf Plus, ma pesa fino a 90 kg in meno e ha design, architettura e soluzioni funzionali del tutto nuove, come il passo maggiorato per avere più comfort a bordo, il portabagagli modulare che permette numerose soluzioni di stivaggio, i sedili posteriori scorrevoli per regolare posizioni e capacità di carico secondo le rispettive esigenze, oltre a un design decisamente più attuale e accattivante. Un altro salto di qualità, soprattutto sul fronte del design, lo compie la station wagon Variant, più bella, elegante e con un volume di carico fino a 1.620 litri. "Sono due modelli - dice Alessi - che consentono di ampliare l'offerta di prodotto Golf, oltre a darci interessanti soddisfazioni commerciali". Primi 40 anni spesi bene, a quanto pare, che portano in eredità una gamma Golf più matura e articolata. Dal primo trimestre del 2015, inoltre, Volkswagen commercializzerà l'inedita Golf GTE ibrida Plug-in, le cui prestazioni di vertice significano 7,6 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h e 212 km di velocità massima, pur rientrando negli standard della mobilità sostenibile con 1,5 litri/100 km di consumo e 50 km di percorrenza con la sola batteria che possono arrivare però all'autonomia totale di 950 km in modalità ibrida. La brillante marcia in 'elettrico' e le prestazioni grintose della GTE nella guida fuori città, ricorderanno a molti 'golfisti' le emozioni e lo sprint delle prime Golf GTI. Per i suoi 40 anni, infine, il regalo della Golf è una versione 'Special Edition 40th Pack' equipaggiata, di serie, con fari Bi-Xeno adattivi lavafari, luci diurne a LED e fendinebbia, cerchi in lega 'Salvador' da 17 o 18 pollici e badge "40" sui parafanghi anteriori che ne faranno un 'Instant classic' da collezione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA