Percorso:Motori > Eco Mobilità > Salone Parigi, cresce la passione per le 'zero emissioni'

Salone Parigi, cresce la passione per le 'zero emissioni'

Numerose le novità, ma su tutti domina l'ibrido

06 ottobre, 14:12
S-Class-Plug-in-Hybrid-front-shot S-Class-Plug-in-Hybrid-front-shot

(di Valerio Monaco)

PARIGI - Al Salone di Parigi cresce l'interesse del pubblico per i veicoli elettrici e per gli ibridi, modelli equipaggiati con un motore a combustione interna con uno elettrico sotto la stessa carrozzeria. A fare la parte del leone, per l'impegno speso nel progresso dei veicoli ibridi, è il gruppo TMC che controlla i marchi Toyota e Lexus. A Parigi il gruppo giapponese espone la NX, prima crossover compatta premium ibrida, e il trasgressivo C-HR concept al cui design sarà ispirato il futuro linguaggio dello stile Toyota. Ma il gigante Toyota va oltre con il grande successo della Yaris Ibrida e con la FCV, prima berlina di serie, alimentata da fuel cell a idrogeno, che dal prossimo anno sarà disponibile anche in Italia. La parata delle 'elettrificate' continua con PSA, Peugeot e Citroen. E' di Peugeot l'aggressivo concept crossover sportivo Quartz che apre le porte ad ali di gabbiano, sfoggia cerchi ruota da 23 pollici e un gruppo propulsore ibrido da 500 Cv. L'unità termica della Quartz è un 1.6litri 4 cilindri da 270 Cv e 330 Nm di coppia (la stessa unità che monta la Peugeot RCZ-R). La affiancano due motori elettrici da 115 Cv l'uno, assemblati all'anteriore. La Quartz affianca la Exalt concept, già presentata in Cina. E' sempre della Peugeot la versione 208 Hybrid Air 2L che sceglie l'aria compressa, al posto dell'energia elettrica, offre uno studio aerodinamico più curato, materiali leggeri, microcamere al posto dei retrovisori, dichiara consumi medi di 2 litri/100 Km e 104 g/km di emissioni CO2. Stessa tecnologia, anche per l'ibrida Citroen C4 Cactus Airflow 2L che promette percorrenze di 50 km/litro. La francese Renault fa un balzo in avanti con la concept ibrida Eolab, in cui la ricerca si concentra su un'aerodinamica 'intelligente', con spoiler e flap che oltre i 70 km/h si attivano nei paraurti anteriore e posteriore, mentre i cerchi ruota assumono un profilo ottimale per il raffreddamento dei freni. Il risultato è un consumo dichiarato di 1 litro/100 km, a cui contribuisce anche il valido rapporto peso-potenza. In casa Volkswagen sua maestà la Passat si rinnova in modo radicale e presenta la versione GTE (E=elettrica) con motore TFSI da 156 Cv, combinato con un 'elettrico' da 115 Cv e 400 Nm di coppia per accelerare a 0 a 100 km/h in 8 secondi e raggiungere 220 km/h di velocità. Dopo diversi stadi di sviluppo la Ford introduce in Europa, e in Italia, l'ultima generazione Mondeo che in versione ibrida contiene le emissioni di CO2 in 99 g/km. Tra le 'ecologiche' coreane debutta la Kia Optima T-Hybrid Concept spinta da un 1.7 litri turbodiesel e un elettrico con batteria al piombo-carbonio da 48V. Nel'Club del lusso' svetta la Porsche che presenta, dopo le note Panamera S E-Hybrid e Porsche 918 Spyder, l'inedita Porsche Cayennne S E-Hybrid che promette consumi medi di 3,4 litri/100 km (29,4 km/litro) ed emissioni di CO2 non superiori a 79g/km. Nuova 'star' tra le supercar 'ecologiche' il mostro super-Hybrid Lamborghini Asterion LPI 910-4 da 910 Cv ottenuti con un 5.2 litri 10V e non meno di tre motori elettrici. Ma la 'signora' delle ibride è la Mercedes Classe S Plug-in Hybrid che 'sposa' un motore elettrico da 85 kW con un V6 biturbo benzina da 245 Cv, per un totale di 440 V 'modulati' dal cambio automatico 7G-TRONIC PLUS a 7 marce, per un consumo medio di 2.8 litri per 100 km e uno scatto 0-100 km/h in soli 5.2 secondi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA