Percorso: Motori > Speciali > Citroen C4 Cactus rivoluzionaria nel design e nell'abitacolo

Citroen C4 Cactus rivoluzionaria nel design e nell'abitacolo

Creatività e soluzioni costruttive per offrire massimi vantaggi

12 luglio, 11:44
Citroen C4 Cactus rivoluzionaria nel design e nell'abitacolo Citroen C4 Cactus rivoluzionaria nel design e nell'abitacolo

AMSTERDAM - Quello di C4 Cactus è uno stile unico, molto originale e molto piacevole, che si identifica e si memorizza facilmente come è avvenuto in passato per quelle auto che hanno segnato un'epoca - la 2CV e la DS, ad esempio - e che sono diventate vere e proprie 'icone'. L'unicità della nuova C4 Cactus sta nelle superfici essenziali e lisce, nei volumi fluidi che allontanano qualsiasi forma di aggressività e nel montante posteriore che - assieme alla particolare conformazione del tetto - rende 'flottante' la parte alta della vettura.

E sono segni fortemente distintivi, oltre alla firma luminosa tecnologica ed esclusiva caratterizzata da fari diurni a Led, anche gli originali elementi protettivi Airbump sulle porte.

Soluzione brevettata da Citroen, gli Airbump sono l'espressione stessa del design, in quanto abbinare lo stile alla funzionalità. Integrati nelle fiancate e nei paraurti, questi elementi 'morbidi' conferiscono una grande personalità allo stile essenziale di C4 Cactus e sono realizzati in TPU (poliuretano termoplastico) integrando anche delle piccole capsule d'aria per meglio attutire gli urti. Disponibili in quattro tinte (Black, Grey, Chocolate e Dune) gli Airbump moltiplicano le possibilità di personalizzazione grazie ai 10 colori di carrozzeria e ai 3 interni (Armonia Grey Inside, Habana Inside o Purple Inside).

La nuova C4 Cactus rivoluziona anche il rapporto tra forma e spazio disponibile all'interno, con proporzioni ottimizzate a beneficio dello stile, dell'abitabilità e del confort di guida.

Partendo da una piattaforma con passo di 2,6 metri (la stessa della Citroen C4) questa nuova crossover offre una silhouette da berlina compatta (la lunghezza è contenuta in 4,16 m) ma con un'altezza di soli 1,48 m a tutto vantaggio dell'aerodinamica.

Nella C4 Cactus spiccano anche gli sbalzi ridotti, con le ruote posizionate ai quattro angoli della carrozzeria, per offrire il massimo sfruttamento dello spazio a bordo.

La ricerca dello 'spazio' da mettere a disposizione del guidatore e dei passeggeri - per aumentare comodità e benessere a bordo - ha portato ad una nuova definizione della plancia e degli elementi di arredo. Tutta la zona davanti al guidatore è stata disegnata per non ingombrare: la plancia della C4 Cactus è bassa ed è contraddistinta da linee pulite, un risultato ottenuto adottando un'interfaccia 100% digitale associata all'accurata progettazione del posto di guida. C'è più spazio anche davanti al passeggero anteriore, grazie anche al pratico vano portaoggetti 'Top Box' ad apertura verticale e allo spostamento dell'airbag passeggero nel padiglione (tecnologia 'Airbag In Roof').

Anche se il look dell'abitacolo della C4 Cactus ricorda, per alcuni aspetti, quello delle auto del passato (ne sono un esempio le maniglie delle porte sostituite da cinghie d'appiglio in pelle) tutti i comandi e l'interfaccia auto-guidatore sono gestiti dall'elettronica. L'ampio schermo touch screen da 7 pollici ha consentito di eliminare i comandi a pulsante spostando nel display le principali funzioni (clima, multimedialità, navigazione, telefono, connettività e assistenza alla guida). Anche il quadro strumenti tradizionale è stato sostituito con un display digitale e - nel caso l'auto sia dotata di cambio pilotato ETG - sparisce anche la leva del cambio tradizionale a favore del sistema 'Easy Push' che utilizza i tre pulsanti D,N e R posti nella plancia, consentendo inoltre di cambiare manualmente tramite le palette al volante.

Completamente nuovo anche l'approccio strutturale per gli ampi sedili anteriori della C4 Cactus, studiati prendendo ispirazione dal mondo dei sofà per garantire un confort ed una sensazione di benessere unici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA