Percorso:ANSA > Motori > Prove e Novità > Volpe, Globo l'auto elettrica che si parcheggia in salotto

Volpe, Globo l'auto elettrica che si parcheggia in salotto

Segna il rientro di Romano Artioli (ex Bugatti) nel mercato

04 aprile, 17:19
Volpe, Globo l'auto elettrica che si parcheggia in salotto Volpe, Globo l'auto elettrica che si parcheggia in salotto

ROMA - Grazie al nuovo quadriciclo elettrico Volpe il problema del parcheggio urbano potrebbe essere presto un ricordo: come si è visto nel programma "Guidando" su Sky3D, la biposto Volpe Globo non è solo capace di entrare in minuscoli spazi nelle aree lungo le strade, ma può muoversi con facilità nei corridoi di case e uffici, entrare negli ascensori ed essere parcheggiata - anche per la ricarica - in un qualsiasi ambiente chiuso. Provocazioni a parte, la Volpe possiede caratteristiche che la pongono in diretta concorrenza con alcuni dei più recenti quadricicli elettrici, come la Renault Twizy, ma con il vantaggio di possedere una carrozzeria - firmata Zagato - completamente chiusa e quindi tale da non richiedere abbigliamento specifico.

La marca Volpe (che significa Veicoli Originali Leggeri Privi di Emissioni) segna anche il ritorno sulla scena automobilistica di Romano Artioli, rifondatore nel 1987 della Bugatti e dal 1993 al 1996 anche proprietario della Lotus. A seguito del crack della Bugatti nel 1995 queste due aziende vennero poi cedute, la prima al Gruppo Volkswagen e la Lotus alla malese Proton. "La Volpe è una chicca meravigliosa - ha spiegato Artioli al quotidiano Alto Adige - che, sono certo, rivoluzionerà il mercato. Piccolissima, lussuosa e soprattutto assolutamente innovativa. La stiamo producendo in Cina e sarà in vendita entro l'anno". Per questa operazione Artioli si è avvalso di una delle aziende di famiglia, la Berman specializzata in elementi di carrozzeria e parti speciali e della Crmt il Centro di ricerca sui veicoli termici di Lione. I costi di esercizio - secondo il costruttore - sono davvero limitati: con 0,45 euro di energia si percorrono 70 km. Le dimensioni (è lunga 2 metri, larga 1 e alta 1,5) rendono adatta la Volpe Globo alle più diverse utilizzazioni per la mobilità individuale, compresi gli ospedali, gli aeroporti ed alcune attività industriali e della grande distribuzione.

Artioli, che per le porte con apertura verticale si è certamente ispirato alle supercar, fa notare che la Volpe "assomiglia alla Smart, ma è grande esattamente la metà". La Volpe sarà proposta in una vasta gamma di modelli: la versione puramente elettrica si chiama Globo ed essendo un quadriciclo può essere guidata anche a 14 anni. La Goal aggiunge al motore elettrico da 4 kW il generatore bi-fuel (metano/benzina) ed è dunque ideale per chi vuole avere maggiore autonomia rispetto alle sole batterie. La versione Graffio con motore elettrico da 8 kW e generatore bi-fuel (metano/benzina) è destinata a chi vive e lavora in città e cerca il confort di un auto e la praticità di uno scooter). Infine la Guru con motore elettrico ancora più potente (12 kW) e generatore bi-fuel (metano/benzina) e trazione integrale, la prima 4WD al mondo in questa categoria. In futuro potrebbero arrivare una variante a 3 posti ed una per il trasporto merci con il solo posto del guidatore e grande bagagliaio. Prezzi, secondo il costruttore, a partire da 7 mila euro, con commercializzazione prevista nel 2013. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati