Percorso:ANSA > Motori > Prove e Novità > Peugeot, nuova 208 perde una taglia, piu' compatta e leggera

Peugeot, nuova 208 perde una taglia, piu' compatta e leggera

Segmento B re-inventato anche grazie ai 3 cilindri 1.0 e 1.2

14 aprile, 13:59
Peugeot 208 Peugeot 208
Correlati

di Andrea Silvuni
CASCAIS - Forte di oltre 1,3 milioni di unità delle tre serie precedenti vendute in Italia dal 1983, anno di lancio della 205, Peugeot si appresta a lanciare la sua nuova auto di segmento B, il più importante nel nostro Paese con oltre il 37% delle immatricolazioni. Con la 208 la Casa francese inaugura però un nuovo trend, in linea con le esigenze del mercato: quello del downsizing generale della vettura. Peugeot 208 è infatti una berlina 3 e 5 porte di "taglia" inferiore rispetto al modello che l'ha preceduta, propone motori benzina (i preferiti nel segmento) che scendono al limite dei 1.000 cc e promette consumi, emissioni e costi di gestione decisamente contenuti per un'auto di questa categoria. Tutto questo - occorre subito sottolinearlo - incrementando invece l'abitabilità, il piacere di guida e le prestazioni. Lo stesso prezzo d'attacco della 208, pari a 11.650 euro per la versione Acces 3 porte 1.0 VTi che sarà disponibile nel secondo semestre dell'anno, evidenzia una maggiore convenienza dal punto di vista del rapporto costo/controvalore. Soprattutto se si pensa che già dal livello Access la nuova Peugeot propone Esp, 6 airbag, sedile conducente regolabile in altezza, alzacristalli elettrici anteriori, volante regolabile in altezza e profondità, chiusura centralizzata, fari diurni, computer di bordo, gear shift indicator, accensione automatica luci emergenza, retrovisori esterni con indicatori direzione integrati e chiusura automatica porte in marcia. La 208 è frutto di una filosofia che la Casa francese definisce re-generation. Accurati interventi nella progettazione del corpo vettura e nella scelta dei materiali hanno portato ad una diminuzione del peso di ben 110 kg rispetto alla 207. Le migliori proporzioni hanno permesso di ridurre gli sbalzi anteriore (-6 cm rispetto alla 207) e posteriore (-1 cm), tanto che la 208 è lunga 3 metri e 96, ritornando nell'ambito della 206 (3,83) e della iconica 205 (3,69). Ridotta anche la larghezza (-2 cm rispetto alla 207) e l'altezza (-1 cm). Ne guadagna comunque l'abitabilità che risulta migliorata (+5 cm per le ginocchia) nella zona posteriore. Anche nell'abitacolo la nuova 208 evidenzia inaspettati effetti del downsizing: è il caso del volante, dalla forma non tonda, che ha ingombri inferiori (-3 cm) rispetto alla 207. Questa piacevole novità - che rende agile la guida - si accompagna all'inedito look della plancia, firmata dall'italiana Anna Costamagna. La strumentazione è perfettamente leggibile e, nelle versioni che lo prevedono, il display touch screen da 7 pollici, simile ad un tablet, rende contemporaneo il design della 208. Questo display, che raggruppa radio, computer di bordo e tutte le altre funzioni secondarie, può essere completato con la navigazione (500 euro) o con le inedite Peugeot App. Le strade fra Lisbona, Sintra e Cascais hanno offerto l'opportunità di provare alcune delle 10 motorizzazioni previste per la 208. In particolare due delle unità e-HDi, tutte con FAP (1.6 da 92 Cv con 230 Nm di coppia e 1.6 da 115 Cv che raggiunge i 285 Nm di coppia in overboost), assicurano una guida sportiva, esaltata dalle caratteristiche del telaio e delle sospensioni.

Le velocità sono rispettivamente di 185 e 190 km/h, ma ciò che più impressiona sono i consumi pari, in entrambi i casi, a 3,8 litri di gasolio ogni 100 km. Su tutti i motori benzina, che arrivano ai 155 Cv del THP 1.6, spicca l'inedito 3 cilindri 1.2 VTi da 82 Cv che - assieme all'altro 3 cilindri 1.0 da 68 Cv - rappresenta la grande novità della 208. Un motore brillante, per niente rumoroso, che in ogni condizione di guida evidenzia la sua modernità (è un condensato di tecnologie per ridurre attriti e vibrazioni) e permette di ottenere un comportamento che ricorda quello della 205, piccola fuori ma capace di grandi prestazioni, ma con bassi consumi e massimo rispetto dell'ambiente. Debutto in Italia dal prossimo 10 aprile, con prezzi che spaziano dai 12.400 euro della Access 1.2 Vti 3 porte - già disponibile al lancio - fino ai 19.150 euro della Allure 1.6 e-HDi 115 Cv 5 porte. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA