Percorso:Motori > Eco Mobilità > Due motori elettrici nelle ruote e l'auto diventa ibrida

Due motori elettrici nelle ruote e l'auto diventa ibrida

Nuovo Retrofit Ibrido 'Eco' di Landi Renzo

13 novembre, 14:12
Due motori elettrici nelle ruote e l'auto diventa ibrida Due motori elettrici nelle ruote e l'auto diventa ibrida

Trasformare un veicolo con motore a combustione interna in un veicolo a propulsione ibrida installando 2 motori elettrici nei cerchi ruota dell'auto senza apportare modifiche all'impianto frenante, al sistema di sospensioni o a quello di trazione. E' quanto promette l'inedito Retrofit Ibrido (Hybrid Electric Retrofit System) presentato dalla Landi Renzo in occasione del salone della mobilità sostenibile H2R Ecomondo alla Fiera di Rimini. ''Il sistema rappresenta una novità - spiega Corrado Storchi, public affairs director di Landi Renzo - in quanto se è vero che negli ultimi anni i sistemi basati sui 'motori ruota' sono già stati sviluppati, è anche vero che questi dispositivi necessitavano di una progettazione veicolare dedicata e quindi si adattavano male ad una installazione su veicoli esistenti''. Con l'installazione del Retrofit Ibrido (Hybrid Electric Retrofit System) la trazione elettrica fornisce un ausilio al motore termico nelle fasi di accelerazione e di marcia stabilizzata a bassa velocità, diventando anche una trazione integrale temporanea. Il contributo elettrico si aggiunge così a quello termico, con la riduzione dei consumi ed emissioni di CO2 e con il recupero di energia in frenata per ricaricare la batteria di bordo. Il cuore del dispositivo è un motore brushless installato nel cerchio ruota, ma senza interferenze all'impianto frenante standard. Particolare cura, nella progettazione del sistema, è stata dedicata all'integrazione dell'elettronica con la batteria agli Ioni di Litio, entrambi integrati in un box, installato agevolmente nel vano della ruota di scorta con lo stesso procedimento adottato con i serbatoi utilizzati nei motori alimentati a GPL.

I principali risultati del progetto consistono nella riduzione del 15% di CO2 (nel ciclo standard NEDC) e del 30% (nel ciclo urbano). Oltre al miglioramento di consumi ed emissioni, a trarre beneficio dell'applicazione è la guidabilità ai bassi regimi. L'Hybrid Electric Retrofit System e anche di facile istallazione presso officine autorizzate. Per il momento sono stati stato realizzati due veicoli prototipali (uno di segmento B ed una city car) che vengono utilizzati per la valutazione in termini di riduzione CO2 , guidabilità e riduzione delle emissioni nocive. Attraverso l'allestimento di ulteriori prototipi la Landi Renzo conta di ottenere l'omologazione per avviare l'omologazione del prodotto. Questa fase, in particolare, sarà svolta in collaborazione con il Ministero dei Trasporti per orientare lo sviluppo, anche in ottica omologativa, al fine di disporre di un regolamento di omologazione per sistemi di trasformazione in ibrido di tipo aftermarket. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA