Percorso:Motori > Eco Mobilità > Audi arriva per prima alla rivoluzione dei 48 Volt

Audi arriva per prima alla rivoluzione dei 48 Volt

Secondo circuito che permette molte innovazioni elettriche

27 agosto, 11:18
Audi arriva per prima alla rivoluzione dei 48 Volt Audi arriva per prima alla rivoluzione dei 48 Volt

ROMA - Audi sta per rivoluzionare l'impianto elettrico di una parte della sua gamma, affiancando alla tradizionale tensione a 12 Volt un secondo circuito a 48 Volt.

Questo cambiamento, si legge in un report della Casa dei Quattro Anelli, rappresenta un altro elemento tecnico che faciliterà l'integrazione di nuove tecnologie automobilistiche, aumentando la potenza e l'efficienza delle prossime vetture. "Stiamo utilizzando le intere possibilità offerte dalla elettrificazione nella nostra strategia di sviluppo - ha detto Ulrich Hackenberg, membro del consiglio di amministrazione di Audi con responsabilità per lo sviluppo tecnico - e l'esecuzione di una parte del sistema elettrico del veicolo a 48 volt gioca un ruolo centrale in questo programma in quanto ci permette di rendere disponibile più energia. Un cambiamento - ha ribadito Hackenberg - che apre la strada a nuove tecnologie con cui potremo rendere i nostri modelli più sportivi, più efficienti e più confortevoli da usare". Le potenzialità del sistema elettrico a 48 Volt sono state mostrate con due vetture -laboratorio realizzate sulla base dei modelli Audi A6 TDI e RS 5 TDI. Entrambe le auto sono dotati di un turbocompressore mosso elettricamente anziché dai gas di scarico. La turbina ruota ad altissima velocità indipendentemente dal carico del motore e quindi migliora sostanzialmente le prestazioni in accelerazione. La tecnologia a 48 Volt è inoltre ideale per la realizzazione di innovativi sistemi per il controllo dinamico del telaio che Audi presenterà a breve. L'attuale stato dell'arte della tecnologia a 12 Volt - afferma Audi - non permette di superare i limiti propri di questa soluzione. Soprattutto a basse temperature, i vari dispositivi che utilizzano energia elettrica a bordo dell'auto possono assorbire l'intera potenza generata dall'alternatore (fino a tre kilowatt) e la sola carica della batteria non è in grado di soddisfare le esigenze di eventuali nuovi dispositivi, come appunto i compressori elettrici ad alte prestazioni. Audi ha trovato la soluzione a questo problema integrando il circuito a 12 Volt con un secondo sistema elettrico che funziona a 48 Volt. Il passaggio ai 48 Volt permette inoltre di sfruttare nuove tecnologie di immagazzinamento e fornisce molta più potenza rispetto alle tradizionali batterie a 12 Volt. Nella versione di sviluppo attualmente più sofisticata, gli ingegneri Audi hanno utilizzato una compatta batteria agli ioni di litio a 48 Volt come fonte di energia durante le fasi in cui il motore è spento, completata da un convertitore DC/DC per integrare il sistema elettrico a 12 Volt. La batteria agli ioni di litio funziona in combinazione con un nuovo alternatore ad alta efficienza offre la possibilità di trasformare il sistema in un 'mild hybrid'. All'interno di questa soluzione - spiega Audi - ci sono diverse modalità per avviare, controllare e disattivare il motore a combustione quando ciò sia conveniente o necessario. Questo nuovo alternatore ad elevata potenza permette un recupero energetico pari a 10 kilowatt, molto più di quanto sia possibile attualmente. Con i 48 Volt e questo nuovo super-alternatore è possibile un risparmio di fino a 10 grammi di CO2 per chilometro pari a una riduzione del consumo di circa 0,4 litri di carburante ogni 100 chilometri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA