Percorso:ANSA > Motori > Industria e Mercato > Fiat, Marchionne, lancio 500 in Usa ''una cavolata''

Fiat, Marchionne, lancio 500 in Usa ''una cavolata''

Nel 2012 obiettivo 25.000-35.000 unita'. Possibile terzo partner

10 gennaio, 01:45
Sciarpa e barba lunga, oggi a Detroit, per Sergio Marchionne Sciarpa e barba lunga, oggi a Detroit, per Sergio Marchionne

DETROIT - ''Abbiamo fatto una cavolata''. Cosi' l'amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne ha commentato l'andamento non positivo delle vendite della Fiat 500 negli Stati Uniti. ''Abbiamo valutato male le difficolta' che c'erano e ci siamo dati volumi troppo alti; inoltre abbiamo avuto problemi nel creare una rete di distribuzione. Ora saremo piu' cauti - ha aggiunto Marchionne - nel lanciare nuovi brand italiani negli Usa''.

Quest'anno - ha aggiunto l'amministratore delegato di Fiat - Chrysler prevede di vendere 25.000-35.000 Fiat 500 negli Stati Uniti. Marchionne ha ammesso che sulle vendite della piccola del Lingotto era stato troppo ottimista. ''50.000 Fiat 500 negli Stati Uniti non si potevano vendere''.

Riguardo alle vendite di Chrysler in Usa Marchionne evidenzia che ''la vera partita per Chrysler si apre nel 2013'', quando saranno presentati molti nuovi modelli''. L'amministratore delegato di Fiat conferma l'obiettivo di 2,4 milioni di auto per Chrysler nel 2012 e ribadisce anche l'obiettivo di quasi 6 milioni di vendite per il gruppo nel 2014. Un obiettivo pero' da raggiungere creando le condizioni per un aumento delle efficienze o ''puo' darsi con un terzo partner, che potra' essere di qualsiasi colore''. Marchionne e' convinto che ci debba essere ''un altro consolidamento a livello europeo e non solo per ridurre il numero dei marchi. Piccolo e' bello ma non funziona bene.

L'aggregazione e' essenziale ma non sto parlando con nessuno''.

''Se non fossimo venuti negli Stati Uniti, la Jeep non sarebbe arrivata a Mirafiori'' evidenzia Marchionne che, secondo indiscrezioni, potrebbe produrre a Detroit il Suv della Maserati. Sull'Alfa Romeo Giulia dice. ''E' in condizione embrionale. Speriamo di avviarla nel 2013, almeno a livello industriale''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati