Percorso:Motori > Industria e Mercato > Moto, colosso indiano Hero pronto ad investire in Italia

Moto, colosso indiano Hero pronto ad investire in Italia

CEO Munjal, 'per l'Europa scooter ibrido e due ruote low cost'

04 novembre, 20:48
Pawan Munjal, CEO di Hero MotoCorp Pawan Munjal, CEO di Hero MotoCorp

(di Andrea Silvuni)

MILANO - Uno dei maggiori produttori di moto al mondo, il colosso indiano Hero (produzione annua di 7 milioni di unità) avvierà una distribuzione di modelli specifici nel nostro mercato e non esclude "di passare ad una produzione in Italia, se il successo della prima fase di commercializzazione delle moto fabbricate in India sarà tale da giustificare l'avvio di stabilimenti localizzati". Lo ha dichiarato all'ANSA il CEO di Hero MotoCorp, Pawan Munjal, aggiungendo che "Hero è aperta anche ad acquistare aziende del settore in Italia". Già oggi il gigante indiano delle due ruote collabora nel nostro Paese con Magneti Marelli e la bolognese Engines Engineering.

Pawan Munjal, che ha parlato durante un incontro all'EICMA di Milano, ha ricordato che "il piano di globalizzazione da 800 milioni di dollari nei prossimi 5 anni prevede lo sbarco in Europa con modelli progettati e realizzati per questi mercati".

Inoltre, il numero uno della Hero ha ribadito che il programma, varato nel 2011 dopo il 'distacco' dal partner Honda, "punta a vendere globalmente 12 milioni di due ruote all'anno, di cui almeno il 10% fuori dall'India". L'offensiva che Hero MotoCorp si appresta a sferrare in Europa e in altri mercati 'maturi' passerà per una grande novità: la prima gamma di moto e di scooter low cost, modelli paragonabili per qualità e livelli tecnologici ad analoghe due ruote già in vendita, ma con ''un costo di acquisto e di gestione molto più basso''. Munjal ha anche detto al riguardo ''vogliamo utilizzare la nostra grande esperienza maturata nel mercato indiano e in quelli asiatici per contenere i costi industriali dei modelli che utilizzeremo per entrare in Europa e in altri mercati mondiali. Ma metteremo in queste moto e in questi scooter - ha precisato - quanto di meglio offrono la tecnologia e i nostri partner''. Per l'Europa Hero MotoCorp pensa ad uno scooter ibrido che ''ci permetterà di sbarcare in questo mercato senza avere praticamente rivali'' e che secondo il CEO del colosso indiano delle due ruote ''sarà la bandiera del nostro saper fare''. Nessuna dichiarazione sul prezzo di questo modello e sui tempi di lancio, che però fissano al 2020 il completamento della strategia di globalizzazione di Hero MotoCorp. ''Stiamo lavorando anche su una rete distributiva in Italia - ha concluso Munjal - che farà capo ad una nostra direzione europea ancora da creare''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA