Percorso: Motori > Analisi e Approfondimenti > Cinture di sicurezza, allarme per i passeggeri posteriori

Cinture di sicurezza, allarme per i passeggeri posteriori

Troppa disinformazione su corretto utilizzo

21 novembre, 17:55
Cinture di sicurezza, allarme per i passeggeri posteriori Cinture di sicurezza, allarme per i passeggeri posteriori

ROMA - Che siano amate o odiate, le cinture di sicurezza sono senza dubbio tra i più importanti meccanismi di sicurezza per chi si trova alla guida o all'interno di un'automobile. A otto anni dall'entrata in vigore della legge che rende obbligatorio l'uso delle cinture di sicurezza per tutti i passeggeri presenti nell'abitacolo della vettura, il Centro Studi e Documentazione Direct Line ha voluto interrogare gli automobilisti italiani sul rapporto e sull'uso di questo fondamentale dispositivo di sicurezza. Il quadro che ne emerge è buono, ma non troppo.

Ad affermare chiaramente di utilizzare le cinture sempre è infatti l'88% degli intervistati. Il restante 12% che manca all'appello dei diligenti, infatti, si divide tra coloro che usano la cintura qualche volta (9%), quelli che la indossano esclusivamente nei lunghi viaggi (1%) e coloro che la allacciano solo quando siedono sul sedile anteriore (2%). Analizzando i dati per fasce d'età, è interessante sottolineare come il premio per i più attenti alla sicurezza vada proprio ai guidatori più giovani (18 - 24enni) che con il 90% registrano la percentuale più alta di coloro che indossano sempre le cinture. Seguono a poca distanza i 35-44enni con l'89%, mentre i 25-34enni e gli over 45 finiscono all'ultimo posto entrambi con l'84%.

La ricerca di Direct Line offre, inoltre, un interessante spaccato regionale dal quale emerge la tendenza all'uso delle cinture dei cittadini di alcune delle principali città italiane: al primo posto i veronesi, seguiti da milanesi e cagliaritani.

Quarti i bolognesi, quindi i bresciani, al sesto posto i torinesi e in coda troviamo fiorentini e romani. Ultimi i palermitani, unici residenti nel sud Italia a rientrare nella classifica. Spostando l'attenzione sui passeggeri, piccoli o grandi che siano, la situazione nazionale non è delle più rosee: dal sondaggio emerge infatti che a conoscere la normativa per il corretto trasporto dei bambini in auto e a prestare l'adeguata attenzione affinché le cinture dei più piccoli siano allacciate nel modo giusto è il 70% degli italiani. Tra coloro che ammettono di non essere informati troviamo un pentito 7% che afferma di volersi documentare e un altro 7% che dichiara invece di non conoscere la normativa e che il proprio intuito e la propria guida sono sufficienti a salvaguardare la sicurezza dei piccoli passeggeri. Un 16% si dichiara invece disinformato in quanto non ha mai trasportato bambini nella propria macchina.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA