Percorso: Motori > Analisi e Approfondimenti > Auto, uno su 2 la cambia solo in caso di rottura o incidente

Auto, uno su 2 la cambia solo in caso di rottura o incidente

Ricerca conferma attaccamento italiani a propria vettura

06 novembre, 16:08
Auto, uno su 2 la cambia in caso di rottura o incidente Auto, uno su 2 la cambia in caso di rottura o incidente

ROMA - Un italiano su due sostituirebbe la propria auto solo in caso di rottura irreparabile. Lo conferma una ricerca condotta dall'Osservatorio Linear che ha intervistato gli automobilisti italiani registrando una controtendenza con il resto d'Europa. Oltre la metà degli intervistati (il 51%) ammette di essere molto attaccato alla propria auto, affermando di volerla cambiare solo in caso di rottura o incidente irreparabile; un 23% dichiara di comprare una nuova automobile solo dopo averla tenuta per 10 anni mentre il 15% degli intervistati indica i 5 anni, il 7% i 3 anni. A pari merito, 2% c'è chi pensa di volerla cambiare ogni anno e chi invece sta pensando di non cambiarla proprio ma di rinunciarci per sempre a favore di una mobilità sostenibile.

Il 35% del campione intervistato, inoltre, sostiene che quando cambierà auto lo farà per comprarne una più parsimoniosa nei consumi, il 31% per via dei troppi chilometri percorsi, un 28% invece pensa alla sua incolumità e per guidare un automobile con i sistemi di sicurezza aggiornati e moderni. Una fetta equa del campione (18%) sostituisce la propria auto per paura che perda troppo valore nel tempo o per avere un auto sempre alla moda e attuale. In particolare, sul tempo di vita di un'auto, il 30% sostiene che la cambierebbe dopo averla tenuta 5 anni, il 28% dopo 2-3 anni, il 22% nonostante tutto cambierebbe il meno possibile la propria autovettura. Di diverso parere invece un 10% sfrenato che si divide in un 8% che ogni anno comprerebbe una vettura nuova ed un 2% addirittura ogni semestre. Chi opta per il cambiamento - si precisa - lo fa soprattutto in un'ottica di risparmio. Il 31% sceglierebbe un'automobile a Gpl-metano, un 25% degli intervistati un veicolo ibrido a basso impatto ambientale, un 20% indica una soluzione di alimentazione diesel, infine per il 16% non ci sono differenze, la cosa importante è che consumi poco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA