Percorso:Motori > Prove e Novità > Supersuv Urus, prima Lamborghini ibrida

Supersuv Urus, prima Lamborghini ibrida

Terzo modello del Toro condivide piattaforma con Audi e Bentley

05 febbraio, 20:58
Lamborghini Urus Lamborghini Urus

ROMA, - La terza gamma di prodotto Lamborghini, quella dedicata al supersuv Urus, potrebbe vedere il debutto della prima motorizzazione ibrida nella storia della Casa di Sant'Agata Bolognese. Lo ha confermato ad ANSA, a margine del test drive della nuova Aventador Roadster, il presidente e CEO di Automobili Lamborghini Stephan Winkelmann.

''Non c'e' ancora certezza sul fatto che Urus possa debuttare nel 2017 - ha detto Winkelmann - ma se questa decisione verra presa, e lo dovremo fare entro l'anno in corso, il nostro terzo modello potrebbe essere la prima Lamborghini con motorizzazione hybrid plug in''. Quello che si attende essere il piu' veloce e costoso suv al mondo, dovrebbe dunque proporre due differenti motorizzazioni, di cui una a basso impatto ambientale in quanto dotata di sezione elettrica con la possibilita' di viaggiare anche ad emissioni zero con la sola energia erogata dalle betterie ricaricabili anche dalla rete.

''Per packaging e missione - ha detto ad ANSA il presidente di Automobili Lamborghini - l'Urus e' l'unico adatto a questa soluzione. Il futuro va in quella direzione soprattutto a causa dei limiti, esistenti e futuri, in alcuni mercati. L'hybrid plug in - ha ribadito Winkelmann - non solo abbassa i consumi e le emissioni, ma permette a parita' di prestazioni di ridurre la cilindrata, una strategia indispensabile ad esempio in Cina dove i motori oltre 4 litri sono fortemente penalizzati dalla tassazione''.

Una versione hybrid plug in dell'Urus sarebbe decisamente interessante anche per il mercato Usa, che resta il principale per Lamborghini e che vede una crescente attenzione per gli aspetti dell'ecomobilita'. ''I nostri clienti - ha detto Winkelmann - non hanno certo problemi di spesa o di consumi, anche perche' le percorrenze annue sono basse, ma apprezzano l'attenzione della nostra marca nel sociale e nella difesa dell'ambiente''.

Su quelle che potrebbero essere le caratteristiche definitive dell'Urus, che era stato presentato come Concept al Salone di Pechino del 2012, il il presidente di Automobili Lamborghini ha precisato che ''verra' costruito della piattaforma modulare Audi della prossima Q7, ma in variante a passo corto, a differenza del futuro suv Bentley che condividera', con Audi, la piattaforma a passo lungo''.

Nessun dettaglio, al riguardo, sulla possibilita' che il terzo modello Lamborghini possa essere costruito a Bratislava, in Slovacchia, nello stabilimento dove nascono i grandi suv Vw e Audi. E nessuna precisazione sulle caratteristiche dei due motori, che dovranno in ogni caso ''emozionare come tutte le nostre auto''. L'autorevole rivista Usa Road and Track aveva, al riguardo, ipotizzato una potenza complessiva per la versione ibrida di 600 Cv, raggiunta sommando l'erogazione di un V8 biturbo a quella della sezione elettrica. L'arrivo del marchio del Toro nel mondo dei supersuv costituisce, secondo Winkelmann, la logica evoluzione nel mercato delle auto luxury: ''Anche in questo mondo - ha detto - ci sara' sempre piu' voglia, per poter usare tutti i giorni una Lamborghini, di stare seduti piu' in alto e di avere la possibilita' di andare dovunque, su ogni terreno''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA