Terremoto in Molise, forte scossa di magnitudo 4.2

Epicentro Acquaviva Collecroce (Campobasso)

Scossa di terremoto di magnitudo 4.2 alle 11.48 in Molise, con il sisma registrato con epicentro ad Acquaviva Collecroce (Campobasso) ad una profondità di 31 chilometri. La scossa è stata avvertita anche in Abruzzo, fino a Pescara. Paura fra la popolazione che l'ha avvertita, ma non vengono segnalati danni, in corso le verifiche della Protezione civile. La scossa non rientra nella sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 nell'Italia centrale. "E' un evento nuovo", ha detto all'ANSA il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Carlo Doglioni. Anche la faglia segue un comportamento diverso rispetto ai terremoti della sequenza di Amatrice perché è molto più profonda e segue un movimento orizzontale.

"E un evento nuovo", ha detto all’ANSA il presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Carlo Doglioni.

"Mi sono sentito con un esperto di Napoli - ha detto il sindaco di Palata, Michele Berchicci - ci preoccupa questa nuova faglia. In via precauzionale domani le scuole in paese resteranno chiuse". Diverse le scosse che si sono succedute a distanza di pochi minuti. 

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SU SCIENZA E TECNICA

Acquaviva, 'capitale' dei croati d'Italia, distrutta già nel 1456 - Ad Acquaviva, 400 abitanti, epicentro della scossa, si parla croato. Acquaviva, infatti, assieme a Montemitro e San Felice è in Molise uno dei tre paesi di lingua madre croata, unicum del centro Italia. L'immigrazione croata servì a ripopolare queste zone dopo un devastante terremoto che nel 1456 rase completamente al suolo questa zona. La magnitudo sarebbe stata intorno al 7.1 e quel sisma e' stato considerato dagli esperti, sulla base di calcoli rapportati ovviamente alle fattezze dei nuclei abitativi dell'epoca, il piu' devastante della storia italiana. In precedenza Acquaviva era un feudo dei Cavalieri di Malta, e una colonia di slavi provenienti dalla Dalmazia che scappavano dall'invasione turca che furono portati a ripopolare queste zone. Kruch è infatti il nome in croato di Acquaviva come appare in una targa davanti al comune che racconta le vicende del piccolo centro molisano.

Acquaviva è quindi il cuore della conservazione del dialetto croato in Italia. Anche i ragazzi parlano un dialetto che risale a quell'epoca e ti spiegano che stavolta "dopo il movimento sussultorio c'è stato un boato". Alternando dialetto croato e italiano con marcato accento molisano, i ragazzi di Acquaviva ci spiegano che "a parte le case nuove, antisismiche, nessuno ha mai fatto lavori particolari, specie nel centro storico".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere