Coordinamento No Tunnel, sereni su esito

Questa mattina l'incontro nella Presidenza Consiglio Ministri

(ANSA) - TERMOLI (CAMPOBASSO), 4 DIC - "Attendiamo gli sviluppi della riunione di oggi a Roma sul tunnel di Termoli con serenità, ma ribadiamo la nostra contrarietà alla realizzazione di quello che consideriamo uno scempio per la città". Così il Coordinamento No Tunnel, in una conferenza stampa, a proposito dell'incontro di conciliazione tra le parti svoltosi questa mattina nella segreteria generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma.Gli esponenti dei comitati che da oltre un anno hanno intrapreso una vera e propria "battaglia" contro la costruzione del "passante", sottolineano l'esistenza di un "fascicolo in Procura a Larino a seguito dei vari esposti presentati sul progetto" e confidano nelle risultanze dell'incontro di oggi. Gli stessi annunciano un consiglio comunale il prossimo 21 dicembre, chiesto dalla minoranza in Municipio, sulla variante al Prg necessaria per la realizzazione dell'opera, affinché vengano prese in considerazione anche le osservazioni effettuate dai cittadini. "Ringraziamo il Ministro Franceschini per aver sostenuto la posizione contraria della Sovrintendenza al tunnel - hanno proseguito gli esponenti del Coordinamento -. Quest'opera, ribadiamo, è inutile e rovinerà irrimediabilmente uno dei luoghi più belli della città.
    Desideriamo aggiungere che, all'origine di questa lotta, c'è una grave crisi della democrazia, aperta con il testardo rifiuto della consultazione referendaria. Nel momento in cui si è cominciato ad impedire la libera espressione della volontà popolare è iniziato questo percorso di resistenza".
    Intanto, prima delle festività natalizie dovrebbe giungere la decisione della commissione referendaria del Comune di Termoli sull'ammissibilità dei tre quesiti referendari. "Questa volta sono molto chiari" hanno concluso dal coordinamento 'No Tunnel'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA