• Terrorismo: procura, "Somalo attendeva solo ordini". Lui: "Non ho fatto nulla"

Terrorismo: procura, "Somalo attendeva solo ordini". Lui: "Non ho fatto nulla"

Somalo 22enne fermato in Molise. 'Riscontri su attività'. Alfano: 'Prevenzione funziona'

"Si tratta di un soggetto estremamente veemente e anche abbastanza pronto ad affrontare dei rischi. Tuttavia non è sicuramente un tipo non controllato, non è un pazzoide: fino ad adesso si è trattenuto in attesa di sviluppi, ha atteso degli ordini dall'alto, aspettava solo quelli. Avrebbe proceduto se avesse avuto degli ordini dall'alto". Così il procuratore di Campobasso Armando D'Alterio all'ANSA parla del giovane arrestato ieri a Campomarino (Campobasso) per terrorismo.

"Perché mi arrestano? Non ho fatto nulla, non ho ucciso nessuno", ha detto il giovane somalo. A riferire la sua reazione è l'avvocato Antonio Di Renzo, legale del 22enne, che lo ha incontrato, poco dopo l'arresto, in questura a Campobasso. Da due mesi tenuto sotto osservazione dalla polizia, ieri è stato fermato dagli agenti della Digos di Campobasso in un centro di accoglienza per richiedenti asilo: il giovane, che per tutti era l'imam, istigava al terrorismo e cercava proseliti tra gli ospiti della struttura. "Per lui l'arresto è una cosa fuori dal normale - spiega all'ANSA il legale - Io ho cercato di fargli capire che in Italia la giustizia va su un altro binario e che non necessariamente si deve uccidere qualcuno per essere arrestati. Lui non si capacitava del fatto che doveva andare in carcere. Quindi ora la mia funzione è soprattutto quella di fargli capire le tappe dell'iter giudiziario".

"Al primo impatto si ha l'impressione di una persona molto sicura di sé. Non traspare in lui nessuna emozione e non so se questa è una reazione di facciata o se lui invece non si rende conto di quanto è accaduto". Così l'avvocato Antonio Di Renzo, legale del giovane somalo. L'udienza di convalida per il 22enne sarà fissata dal giudice nelle prossime ore. L'avvocato per il momento non si sbilancia sull'evolversi della situazione: "Quando avrò accesso ai faldoni avrò un quadro più chiaro della vicenda - spiega all'ANSA - Lo stralcio di intercettazioni che ho visto finora non dice nulla, ma ce ne saranno probabilmente altre che io ancora non ho potuto visionare". L'avvocato andrà nelle prossime ore in carcere per parlare con il suo assistito: "Il problema è che lui ha difficoltà nel comprendere l'italiano e quindi dovrò presentare una istanza al gip per andare nel penitenziario con un interprete".

"Abbiamo un riscontro tecnico preciso circa la possibilità che stesse organizzando un attentato a Roma". Così il Procuratore capo di Campobasso, Armando D'Alterio, spiegando alcuni dettagli dell'operazione della Digos di Campobasso che ieri ha fermato in un centro di accoglienza a Campomarino (Campobasso), un giovane imam somalo, 22 anni, richiedente asilo. Gli inquirenti hanno accertato che oggi il ragazzo sarebbe fuggito dalla struttura che lo accoglieva, probabilmente per andare a Roma. 

Il giovane somalo, secondo l'accusa, inneggiava all'Isis, ad Al Qaeda e ad Al Shabab, invitando gli altri ospiti del Centro di accoglienza ad azioni violente da realizzare nell'ambito della Jihad. Una azione "intensa e veemente di proselitismo", così l'ha definita il Procuratore capo di Campobasso, Armando D'Alterio, contro l'occidente. Tanto che alcuni si sono allontanati dalla preghiera allarmati dal suo comportamento. Poco più di due mesi di indagini serrate, supportate anche da intercettazioni ambientali, hanno consentito agli agenti della Digos di Campobasso di capire la reale portata di quelle parole e delle sue intenzioni. Il giovane Imam fermato oggi in Molise, esaltava anche gli attentati terroristici di Parigi e il martirio, invitando gli altri ospiti del centro di accoglienza ad unirsi alla Jihad e a seguirlo prima a Roma e poi in Siria. Nella sua stanza gli agenti hanno registrato con una telecamera nascosta l'uomo mentre visionava diversi video nei quali erano presentate immagini di attentati, sequestrando anche materiale ritenuto utile alle indagini.

"Cominciamo dalla stessa Italia, andiamo a Roma e cominciamo dalla stazione". E' quanto avrebbe detto il giovane imam somalo fermato oggi a Campobasso e lo si si legge in un documento illustrato in Questura riconducibile ad alcune frasi pronunciate dal giovane. "La guerra ancora continua - ripete - Charlie Ebdo era solo il precedente di quello che sta succedendo adesso". E poi, "c'è una strada più semplice, quella di attrezzarsi e farsi saltare in aria, che è la via più semplice".

E' stata una conversazione intercettata tra due soggetti residenti all'interno del Centro per rifugiati di Campomarino, in cui l'imam veniva definito un "esaltato" pronto a passare alla mobilitazione, a far scattare il fermo nei confronti del ventiduenne somalo. Secondo gli uomini dell'Antiterorrismo e della Digos della Polizia che hanno condotto le indagini, il somalo era un soggetto pericoloso, una figura che in poco tempo aveva avviato un'attività di proselitismo e si era imposta all'interno del centro che lo ospitava con posizioni dominanti e radicali. Agli altri ospiti della strutture l'uomo diceva di appartenere ad Al Shabaab, il movimento terrorista somalo. Nei suoi confronti, sottolineano fonti qualificate, c'erano elementi per ritenere che fosse nella fase della mobilitazione, ma alcun segnale che da qui potesse passare alla fase operativa: né dalle conversazioni intercettate né dagli elementi raccolti, infatti, è emerso che l'imam avesse un piano operativo per entrare in azione, del materiale per compiere il presunto attentato né le capacità per utilizzarlo. Il fermo è scattato anche in considerazione di un altro elemento: al giovane somalo era stato negato lo status di rifugiato e, dunque, di qui a breve avrebbe lasciato la struttura di Campomarino. In considerazione della sua pericolosità, dunque, si è deciso di bloccarlo ed evitare che potesse far perdere le sue tracce.

 

Imam, questo mese si organizza mercato Jihad - "In questo mese si organizza il mercato della Jihad, ed il Profeta in questo mese prepara i soldati contro gli idolatri e combatte contro i nemici di Dio. Approfittate quindi di questo mese, correte per essere i primi. Dio ha ordinato di uccidere i suoi nemici e fate la Jihad in suo nome, predicate la religione e la Sharia e castigate il peccatore". Così il somalo fermato dalla Digos di Campobasso rivolgendosi agli ospiti del Centro di accoglienza di Campomarino (Campobasso). Assunto il ruolo di guida spirituale, al termine dei riti, effettuava anche una preghiera in favore dello Stato islamico e per i combattenti che si immolano per la causa. 

Alfano, la prevenzione funziona - "Il rischio zero non esiste ma l'arresto a Campobasso dimostra che il sistema di prevenzione funziona. Non dobbiamo distrarci ed il nostro grazie sincero va al lavoro svolto dalle forze dell'ordine". Così il ministro dell'Interno Angelino Alfano al termine del question time alla Camera."Noi abbiamo un monitoraggio molto severo e attrezzato dal punto di vista tecnico di tutti i centri e i luoghi dove si può fare proselitismo e dove può avvenire teoricamente il reclutamento". 

Salvini, in pericolo per colpa Renzi e Mattarella - "Renzi complice! Se fossi al suo posto, controlli a tappeto ed espulsioni di massa. Gli italiani sono a rischio per colpa di Renzi e Mattarella" Così il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini sull'imam fermato a Campobasso con l'accusa di progettare un attentato alla stazione Termini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere