Percorso:ANSA > Mare > Libri > Avventura e storia nella spedizione di Caboto raccontata da La Francesca

Avventura e storia nella spedizione di Caboto raccontata da La Francesca

In un libro la ricostruzione del viaggio in Sudamerica dell'esploratore veneziano

07 luglio, 15:17
GHERARDO LA FRANCESCA. 'SEBASTIANO CABOTO. Storia di un viaggio nel cuore profondo del continente Sudamericano'. GHERARDO LA FRANCESCA. 'SEBASTIANO CABOTO. Storia di un viaggio nel cuore profondo del continente Sudamericano'.

(ANSA) - GENOVA, 8 LUG- A Sebastiano Caboto, l'esploratore veneziano che nel 1526 intraprese per conto del re di Spagna un importante viaggio lungo le coste e alcuni fiumi del continente sudamericano, è dedicato un libro. Lo ha scritto Gherardo La Francesca, già ambasciatore d’Italia in Brasile. Il volume è stato presentato a Genova su iniziativa della Fondazione Casa America. "Sebastiano Caboto. Storia di un viaggio nel cuore profondo del continente sudamericano" è la fedele ricostruzione storica della spedizione geografica diretta dal navigatore italiano attraverso l’Oceano Atlantico, per risalire oltre milleduecento chilometri lungo il corso dei grandi fiumi latinoamericani e penetrare nel cuore profondo e sconosciuto del continente. La storia, ricostruita con l'ausilio di un prezioso repertorio documentale e corredata da 74 riproduzioni di altrettante mappe, documenti, stampe e strumenti nautici del XVI e del XVII secolo, segue le varie tappe del viaggio del navigatore italiano che, partendo dal porto andaluso di San Lucar de Barrameda al comando di quattro navi, dopo una sosta nelle isole Canarie che allora costituivano l'ultimo avamposto del mondo conosciuto, si addentrò nelle acque ancora quasi inesplorate dell'Oceano Atlantico. Popolate, secondo leggende ancora assai diffuse, da mostri marini e caratterizzate da acque ribollenti, interminabili calme e improvvise violentissime tempeste. "A rileggere il resoconto della spedizione Caboto - ha affermato Pierangelo Campodonico, direttore del Galata Museo del Mare - vengono in mente le pagine di Cuore di tenebra di Joseph Conrad: anche qui, si può dire che dentro il cuore dell’uomo bianco si annida un demone insaziabile. La risalita del Paranà, come quella del fiume conradiano, è in realtà una discesa agli inferi, un viaggio nell’alterità. Stupisce questa capacità di adattamento dell’uomo che ha respirato l’aria del Rinascimento, di adattarsi e di sentirsi a suo agio in ogni contesto. "La Francesca - sottolinea la professoressa Maria Rosaria nella presentazione del libro - attinge alla sua personale esperienza di esperto navigatore per spiegare le difficoltà e i problemi tecnici legati all’attraversata atlantica e all’esplorazione di Caboto: distanze in miglia, nodi, venti, correnti marine, tipologie e limiti delle imbarcazioni". L'autore infatti con la sua barca, costruita a Taiwan, chiamata Pulcinella, ha attraversato il Mar della Cina Meridionale, lo stretto di Malacca, l'Oceano Indiano, il Mar Rosso, il Mediterraneo e da ultimo nel 2014 l'Oceano Indiano. Il volume, è uscito per la prima volta nel 2015 in Paraguay e ora in traduzione italiana. La Francesca è nato a Roma nel 1946. Laureato in Giurisprudenza, è stato diplomatico in Grecia, Egitto, Giappone, Argentina, Cipro e Brasile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: