Percorso:ANSA > Mare > Ambiente e Pesca > Clima: pesca settore piu' danneggiato da riscaldamento globo

Clima: pesca settore piu' danneggiato da riscaldamento globo

Ricerca università canadese di British Columbia

21 novembre, 15:58
Clima: pesca settore piu' danneggiato da riscaldamento globo Clima: pesca settore piu' danneggiato da riscaldamento globo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Uno dei settori economici che risentirà di più nei prossimi anni dei cambiamenti climatici sarà la pesca, con una perdita di rese che in alcune zone del pianeta supererà il 50%. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Nature Climate Change proprio una settimana prima del vertice mondiale su questi temi che inizierà aDurban, in Sud Africa, il prossimo 29 novembre.

La ricerca dell'università canadese di British Columbia ha esaminato gli studi già esistenti, concludendo che è già tempo di correre ai ripari: "Ci sono già meno pesci negli oceani, e quindi meno rendita - spiega Rashid Sumaila, autore principale dello studio - in questo momento dovremmo soltanto sfruttare gli interessi, mentre invece stiamo erodendo progressivamente il capitale di pesci di cui disponiamo

Negli ultimi 100 anni il mare è diventato più caldo e più acido, e altri fattori umani, come l'inquinamento e la pesca eccessiva, hanno avuto un duro impatto sulle specie marine. Con il riscaldamento degli oceani, spiegano gli esperti, molte specie si stanno spostando ulteriormente verso i poli e in acque più profonde. Il risultato delle osservazioni e dei modelli matematici è una mappa che indica le zone dove l'impatto sarà più alto: se in alcune zone, soprattutto del nord Europa, ci sarà un aumento del pescato, una larga fascia che comprende le zone dell'Equatore e dei Tropici ma anche il Mediterraneo potrebbe subire perdite nelle rese superiori al 50%: "I cambiamenti nella temperatura e nella chimica dell'oceano incidono direttamente sulla fisiologia della crescita, sulla riproduzione e sulla distribuzione - sottolinea William Cheung, uno degli autori - I pesci delle acque più calde hanno dimensioni più piccole, tassi di mortalità più elevati e vengono pescati su aree più ampie". Per mitigare gli effetti del riscaldamento, conclude l'articolo, bisogna agire intanto sugli altri fattori: "Creare popolazioni più forti riducendo la pesca eccessiva - spiega Sumaila - permetterà ai pesci di resistere meglio".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati