Terremoto: aule 2.0 a Camerino, sogno studenti è realtà

Donate da TotalErg. Richieste nel libro 'La scuola che vorrei'

Redazione ANSA

CAMERINO (MACERATA) - Tecnologia di ultima generazione per apprendere 'giocando': una lavagna lim (lavagna interattiva multimediale) dal maxi touch screen, collegamento alla rete, pc per ogni alunno, stampanti a colori e 3D, banchi a cerchio per lavorare insieme. E' un sogno divenuto realtà per i ragazzi della scuola primaria 'Salvo d'Acquisto' e della media 'Boccati' di Camerino: lo avevano affidato a un libro su "La scuola che vorrei" scritto e disegnato durante l'anno trascorso dopo il sisma che ha pesantemente colpito la città. Oggi le due aule 2.0, donate da TotalErg, sono state consegnate con un doppio taglio del nastro tra l'entusiasmo degli studenti. Sorrisi, urla di gioia e applausi hanno accompagnato l'ingresso degli studenti nelle 'classi digitali' costate circa 40 mila euro. C'è stato il battesimo della lim alla scuola media con una lezione su Napoleone e le cause della Rivoluzione francese, mentre i piccoli si sono divertiti con operazioni matematiche. Niente videogiochi, però, come alcuni ragazzi avrebbero tanto voluto. Desideri che potevano sembrare impossibili un anno fa: il 24 agosto la scuola primaria era inagibile. Danni peggiorati dalle scosse di fine ottobre, che hanno infierito in particolare nel Maceratese .Poi la ripartenza: il 15 settembre scorso l'inaugurazione del plesso anti-sismico e ora le aule digitali. La donazione in realtà è "un investimento - ha detto Maurizio Cavallaro, dirigente scolastico dell'Istituto comprensivo 'Ugo Betti' -, dalla scuola dovranno uscire i professionisti del futuro. Significa molto per noi in un momento in cui abbiamo avuto poco. Ci siamo dovuti riorganizzare perché la scuola era inutilizzabile dal 24 agosto. Abbiamo dato una sistemazione dignitosa agli alunni e poi un occhio al futuro - ha concluso -, a una ripartenza non con la solita scuola ma con un tipo di apprendimento diverso". "Da tanti anni - ha ricordato Sebastiano Gallitelli (direttore di rete TotalErg, uno dei più grandi operatori petroliferi) - siamo impegnati a favore della comunità scolastica. Investire sui giovani è fondamentale" come "avere una didattica più vicina alle esigenze e al linguaggio dei giovani. Importante è dare possibilità ai ragazzi di scoprire le opportunità del digitale e soprattutto le minacce, impararne l'utilizzo consapevole". A maggio l'azienda aveva donato moduli scolastici a un altro centro e l'impegno per la scuola fa parte del programma di fidelizzazione 'In viaggio per la scuola' con il quale i clienti TotalErg, facendo rifornimento di carburante, accumulano 'punti scuola' e li destinano a istituti del territorio per far 'vincere' anche a loro attrezzature tecnologiche. Un ringraziamento all'azienda petrolifera è arrivato anche dal sindaco di Camerino Gianluca Pasqui per "l'investimento nel futuro di una terra che non si è fermata, nonostante abbia il centro storico, il più grande del cratere, in zona rossa. Le difficoltà sono grandissime - ha ammesso - ma il volano della riuscita e della volontà di rivedere la città tornare ad essere com'era prima ha consentito di non fermare questo percorso". Camerino è ancora in una fase di emergenza, che sta "tentando di 'puntellare' per garantire un futuro in cui c'è anche la ricostruzione". "Siete la forza che ci spinge ad andare avanti - ha detto agli studenti -. L'Italia è piena di persone con un cuore grande, che ci aiutano ad avere un futuro migliore". Eppure, ha attaccato il sindaco, ricordando le "pochissime Sae (soluzioni abitative d'emergenza) arrivate a 360 giorni dal sisma catastrofico, "il sistema della gestione dell'emergenza deve essere migliorato. Non può essere che in una territorio sismico, ogni volta ci si trovi di fronte a un terremoto catastrofico come quello che abbiamo subito, sembra quasi sia il primo evento che accade". Lungi dal voler attribuire colpe, Pasqui ha invitato a "lavorare insieme" per "guardare con attenzione" le "cose che non funzionano che non sono poche".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in