Pm,8 a processo per alluvione Senigallia

Gup rinvia all'11 dicembre per decidere. Tra imputati sindaco

Il pm di Ancona Irene Bilotta ha chiesto al gup Francesca De Palma il rinvio a giudizio di otto indagati tra cui l'attuale sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi, per l'alluvione del 3 maggio 2014 quando esondò il fiume Misa provocando quattro morti e ingenti danni. Il giudice ha fissato la prossima udienza all'11 dicembre per dare la parola alle difese e decidere sul rinvio a giudizio o proscioglimento degli interessati. L'avv. Lucio Monaco, difensore del comandante dei vigili urbani Flavio Brunaccioni, aveva chiesto l'incidente probatorio su vittime (quattro) e feriti (solo due si sono costituiti parti civili) per una perizia che accertasse le cause di decessi e lesioni. Il gup non ha accolto la richiesta: una valutazione potrà essere fatta in sede dibattimentale se necessario. Nell'eventuale processo entreranno Ministero dell'Interno e presidenza del Consiglio dei Ministri per il dipartimento di Protezione civile: in caso di processo e condanna risponderebbero in solido per il risarcimento danni.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere