Comune chiude due negozi cannabis light

A Civitanova Marche. Sindaco,Cassazione chiarito vendita vietata

Il Comune di Civitanova Marche ha disposto la chiusura di due negozi di prodotti 'cannabis light' la cui attività era stata già sospesa temporaneamente nei mesi scorsi dal Questore di Macerata Antonio Pignataro. E' la prima amministrazione in Italia a provvedere in tal senso, ricorda il questore in merito ai due esercizi chiusi - Cb Dream e Tuttocanapa - ai quali è stata contestata la vendita di cannabinoidi reiterata nell'arco di un anno.
    L'Ufficio Commercio, riferisce il sindaco Fabrizio Ciarapica, ha applicato la misura prevista dalla legge regionale 27/2009, dopo aver ricevuto gli atti dalla Questura: "Un atto dovuto in rispetto della legge - aggiunge - ma abbiamo ritenuto opportuno condividere l'azione serrata intrapresa dal Questore di repressione e controllo sul territorio nel contrasto a ogni forma di spaccio di sostanze e vendita illegale. La Cassazione a Sezioni Unite ha chiarito che la commercializzazione di prodotti contenenti cannabis è vietata in Italia".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere