Boccia, partiti sembrano corpi intermedi

Presidente Confindustria a Treia, siamo alternativa culturale

C'è un "paradosso" in Italia "i corpi intermedi sembrano partiti, perché parlano di progetti Paese, e i partiti sembrano i corpi intermedi perché fanno il Contratto di governo sui vari aspetti". Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia al Seminario di Symbola a Treia (Macerata) parlando di una sorta di "supplenza".
    Boccia chiede che la "politica del lavoro" sia "mission del Paese: incremento occupazionale, inclusione a partire dai giovani, politica infrastrutturale" per "includere; "non sto chiedendo cose che riguardano le imprese ma sto esprimendo un Progetto Paese". "Quando i vecchi fanno i giovani, i giovani fanno i vecchi - ha detto citando un aforismo -. Noi facciamo i partiti perché loro fanno le categorie". Questo, ha precisato in relazione al contesto di Symbola dove si confrontano varie categorie e associazioni, "non significa che siamo un partito ma un'alternativa culturale, né saremo mai un partito. Questo luogo è di dibattito per un'alternativa culturale del paese".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere