CasaPound,finte buste sangue parchimetri

Protesta contro concessionaria, 'rivedere concessione'

(ANSA) - ANCONA, 5 DIC - Finte sacche di sangue di fianco ai parchimetri nei pressi del Tribunale di Ascoli Piceno. E' la trovata dei militanti di CasaPound Italia protestare contro la multinazionale SaBa, concessionaria dei parcheggi nel capoluogo piceno. "Abbiamo voluto simulare un futuro ipotetico e tragico, ma purtroppo non troppo distante dalla realtà - spiega Giorgio Ferretti, responsabile provinciale di CasaPound - dove l'impotenza delle istituzioni nulla può contro la SaBa che continua a fare il bello e cattivo tempo in città, grazie ad una assurda convenzione quarantennale sottoscritta con il Comune che abbiamo denunciato decine di volte". Per Casapound l'unica soluzione è la revoca unilaterale della convenzione e il riacquisto da parte del Comune dei parcheggi a raso. Le sacche non sono state ancora rimosse. L'azienda darà mandato ai propri legali di sporgere querela.

"Intendiamo rispettare la convenzione con il Comune che scade nel 2042". E' chiara la posizione della multinazionale Saba che gestisce i parcheggi a pagamento di Ascoli Piceno, dopo l'iniziativa di Casapound che stamani ha messo sacche contenenti finto sangue ai parchimetri della zona del tribunale. Da anni si dibatte in città sui costi della sosta a pagamento e sull'opportunità che il Comune riacquisti gli spazi ceduti alla Saba nel 2002 per 40 anni. "L'azienda intende rispettare la concessione" ha ripetuto più volte stamane il direttore della Saba di Ascoli Piceno Luigi Greco, definendo la protesta attuata da movimento di ultradestra "una brutta immagine per Ascoli". La sosta in centro nei parcheggi a raso ha un costo orario che va da un minimo di 1,20 euro a un massimo di 1,70. "Costi in linea con quelli di altre città italiane" ha detto Greco, riferendosi ai parcheggi che la multinazionale gestisce, tra gli altri, nei centri storici di Genova, Milano, Roma, Pisa, Assisi, Venezia, Verona, Bari. Ha poi spostato l'attenzione sullo scarso utilizzo dei parcheggi coperti ascolani. "Hanno tariffe minori: 1 euro all'ora nel Park Torricella, 1 euro per 90 minuti al Parcheggio Ex Gil dove sostare l'intera giornata costa soltanto 2,50 euro". Si tratta di un parcheggio collegato al centro in due minuti utilizzando la navetta gratuita (5 minuti a piedi). "Il problema - conclude il direttore della Saba Greco - è che questo contenitore in particolare, che ha costi decisamente molto bassi, non viene utilizzato più di tanto benché vicinissimo al centro di Ascoli".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere