Alluvione Senigallia, rinvio udienza gup

Difetti di notifica atti ad alcuni degli 8 indagati

Rinviata al 25 febbraio l'udienza preliminare, prevista per oggi, davanti al gup di Ancona Francesca De Palma per il procedimento per l'alluvione di Senigallia che nel maggio 2014 causò tre decessi e milioni di danni. Il rinvio è stato motivato da difetti di notifica di chiusura delle indagini e decreto di citazione in giudizio per alcuni degli otto indagati, tra cui il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, l'ex sindaco Luana Angeloni, vari tecnici, consulenti, dirigenti della Regione Marche e del Comune. I reati contestati a vario titolo vanno dall'omicidio plurimo colposo a lesioni gravi, inondazione, abuso d'ufficio, falso ideologico.
    L'Unione Nazionale Consumatori assiste 390 parti civili, tra persone fisiche che hanno subito danni e parenti delle vittime, un condominio e varie ditte.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere