85enne morto, omicidio-tentato suicidio

Nel Pesarese moglie lo avrebbe soffocato assumendo poi farmaci

E' stato soffocato, probabilmente con il cavo di ricarica di un telefonino, Ugo Ascani, l'anziano di 85 anni, residente a Roma, trovato morto ieri nella casa di famiglia dove soggiornava con la moglie per le vacanze in una frazione di Frontone. Lo ha stabilito l'autopsia eseguita all'obitorio di Urbino dal medico legale Mauro Pesaresi. La notte scorsa era scattato l'arresto per Maddalena Agostini la moglie 80enne della vittima, già piantonata in Psichiatria a Urbino, trovata ieri sotto choc accanto al cadavere del marito nella camera da letto della casa in una frazione di Frontone (Pesaro Urbino). Nella stanza era stato trovato un biglietto che aveva avvalorato la tesi dell'omicidio-tentato suicidio: "Perdonateci non ce la facciamo più...vi salutiamo tutti da lassù", l'incipit del messaggio scritto dall'anziana alle prese con la depressione anche per la grave malattia del marito sofferente di Alzheimer.

I segni riscontrati dai sanitari sul collo dell'85enne avevano subito fatto pensare che fosse stato strangolato. Poco prima o dopo l'omicidio, la 80enne avrebbe assunto una dose massiccia di tranquillani restando però solo in stato confusionale nella stanza dov'era stata trovata dai vigili del fuoco allertati dai congiunti della coppia perché gli anziani non rispondevano. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere