Nelle Marche orticultura didattica

Orto come laboratorio permanente a cielo aperto

L'orto come laboratorio permanente, a cielo aperto, per fare scuola, promuovere l'agricoltura biologica, salvaguardare la biodiversità agraria regionale. È il format marchigiano dell'esperienza di orticoltura didattica, con alle spalle oltre 20 anni di attività e più di mille progetti realizzati nelle scuole d'infanzia, primaria e secondaria della regione. Il punto è stato fatto in un incontro con le scuole, invitate a Palazzo Raffaello per la presentazione del nuovo bando che finanzia l'iniziativa anche per l'anno scolastico 2017-2018 e del volume "Evviva l'orto che ci fa sporcare".
    "Partiamo dalla scuola per formare consumatori responsabili, utilizzando gli strumenti e le occasione offerte dai finanziamenti destinati all'agricoltura sociale - ha detto la vice presidente Anna Casini, assessore all'Agricoltura -.
    Vogliamo far comprendere ai bambini che l'agricoltura è un mondo vicino a noi: dalla colazione al paesaggio, all'ambiente, molto lo dobbiamo all'agricoltura.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere