• Controllore bus aggredisce migrante: 'Africa, torna a casa tua'

Controllore bus aggredisce migrante: 'Africa, torna a casa tua'

Lo studente-lavoratore extracomunitario colpito da una testata è finito in ospedale

 "Africa, torna a casa tua, africano, voi non dovete stare qua, negro, non avete mai il biglietto voi negri, tornatevene a casa vostra!". Con queste parole il dipendente della Contram, l'azienda di trasporti di Camerino, avrebbe aggredito un giovane studente lavoratore del Camerun, Martin Narcisse Lekemo, colpendolo poi con una testata in pieno volto. E' quanto riferisce il legale del giovane, l'avv. Sabrina Carnevali, che sostiene lo studente nella denuncia presentata ai carabinieri. Il fatto è avvenuto il 21 luglio scorso. "Martin chiede giustizia non solo per se stesso - commenta l'avv. Carnevali - ma per tutti gli stranieri che potrebbero cadere vittime di razzismo".

Il Garante regionale dei diritti Andrea Nobili ha segnalato un "gravissimo episodio" a sfondo razziale che sarebbe accaduto nei giorni scorsi a bordo di un mezzo di trasporto pubblico della Contram, sulla linea Macerata-Fabriano. "Uno studente lavoratore extracomunitario, iscritto al terzo anno della facoltà di farmacia dell'Università di Camerino - riferisce Nobili - è stato vittima di un'aggressione verbale e fisica, a sfondo razziale, da parte di un dipendente dell'azienda", che era "in divisa e si è qualificato come controllore. Ricevuta segnalazione di quanto accaduto, l'Autorità di garanzia ha immediatamente contattato il ragazzo, costretto a cure ospedaliere, per esprimergli vicinanza e solidarietà". Il Garante intende affiancare istituzionalmente la denuncia del giovane, valutando la possibilità di costituirsi parte civile.

Il rettore e tutta la comunità universitaria di Camerino esprimono solidarietà e vicinanza a Martin, studente Unicam "serio, preparato, sempre disponibile, vittima di un grave, deprecabile e inconcepibile episodio di violenza e intolleranza accaduto nei giorni scorsi all'interno di un autobus, mentre rientrava a Camerino". Unicam, che ha lanciato l'hastag #insiemeconMartin, ricorda quanto la presenza di studenti stranieri sia "un valore aggiunto e una preziosa risorsa non solo per la formazione di giovani studentesse e studenti, ma anche per la crescita dei territori nei quali risiedono". L'Ateneo è "orgoglioso di avere rappresentati, nelle sue aule, più di 56 nazioni del mondo e ritiene che, alla base di qualsiasi Paese che si definisca civile, siano fondamentali il rispetto, la tolleranza e l'accoglienza".   

E' stato sospeso in via cautelativa il dipendente della Contram, l'azienda di trasporti di Camerino, che avrebbe aggredito su un autobus uno studente straniero facendolo finire in ospedale. Il dipendente, spiega l'azienda, non è un controllore, ma un addetto alle vendite dei biglietti a terra, che stava rientrando a casa dopo aver finito, quattro ore prima, il suo turno di lavoro. Pertanto, viaggiava sul bus da semplice passeggero. "Il lavoratore - dice Massimo Luce, direttore di esercizio della Contram - deve essere ancora sentito, il procedimento di accertamento di come si sono svolti i fatti è in corso. Intanto, è stato sospeso cautelativamente. L'azienda è interessata a fare piena luce sulla vicenda". Nel merito, "è una cosa che ci lascia sorpresi - chiosa Luce -. La nostra è un'azienda radicata sul territorio e aperta alle esigenze del territorio, in particolare per la presenza di un'Università e di scuole. I nostri utenti sono per lo più studenti e lavoratori, e non era mai accaduto un fatto del genere. Anzi, finora siamo stati noi a subire aggressioni nello svolgimento della nostra attività". Contram, inoltre, fa costante "esercizio di solidarietà, come dimostrato anche in occasione del terremoto". "Siamo un'azienda trasparente, con un codice etico ampiamente divulgato ai nostri dipendenti, un codice - conclude Luce - che non è solo carta".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere