Rieletti sindaci Jesi e Tolentino

Anche P.S.Giorgio e S.Elpidio. Ballottaggi Fabriano e Civitanova

Quattro sindaci uscenti rieletti al primo turno, Massimo Bacci a Jesi (liste civiche), Giuseppe Pezzanesi (centrodestra) a Tolentino, Nicola Loira a Porto San Giorgio e Alessio Terrenzi a Sant'Elpidio a mare, entrambi sostenuti dal Pd e da forze di centrosinistra. Un nuovo sindaco a Corridonia, Paolo Cartechini, portato da liste civiche di centrosinistra, mentre a Fabriano e Civitanova Marche si va al ballottaggio il 25 giugno: nella città della Carta il duello sarà fra il candidato del centrosinistra Giovanni Balducci e quello di M5s Gabriele Santarelli; a Civitanova con il candidato sindaco del centro destra Fabrizio Ciarapica in vantaggio sul sindaco uscente Tommaso Claudio Corvatta, del centrosinistra.
    Questi i risultati delle elezioni comunali delle Marche, dove l'affluenza è calata sensibilmente rispetto al 2012 (59,47% contro 66,71%). A Ripatransone (Ascoli Piceno) la disaffezione degli elettori ha portato addirittura all'annullamento della consultazione perché non si è raggiunto il quorum di votanti appena 1.726 votanti, il 45,50% degli aventi diritto. Il comune sarà dunque commissariato.

E' stata netta l'affermazione di Bacci a Jesi: il sindaco uscente ha conquistato il 59,5% delle preferenze, battendo il candidato del centrosinistra Osvaldo Pirani, fermo al 17%. Ottimo risultato anche per Giuseppe Pezzanesi a Tolentino, sindaco in prima linea nel post terremoto, che resta alla guida della città con il 58,7% dei consensi, mentre il candidato del Pd Gianni Corvatta si è fermato al 18,8%. Rieletto con il 53% dei voti Nicola Loira a Porto San Giorgio, contro lo sfidante del centrodestra Andrea Agostini al 21,9%. Ha avuto quasi un plebiscito il sindaco di centrosinistra di Sant'Elpidio a Mare Alessio Terrenzi, con il 61,7% dei voti contro il 15,7 di Fabio Conti (civiche). A Corridonia si insedia Paolo Cartechini, portato da una serie di liste civiche ce gli sono valse il 51,8%, contro il 26,2% di Matteo Ceschini. Se il M5s è stato realmente in corsa solo a Fabriano, il centrosinistra soffre particolarmente proprio in questa città e a Civitanova Marche, finora governate entrambe. A Fabriano, dove lo spoglio si svolge con estrema lentezza e si sono dovute riconteggiare le schede di tre sezioni, l'ex assessore Giovanni Balducci è al 35,29% mentre lo sfidante dei 5 Stelle Gabriele Santarelli è al 29,63%. E parte male a Civitanova il sindaco uscente Tommaso Claudio Corvatta (32,48%) rispetto al candidato del centrodestra Fabrizio Ciarapica (34,15%). Hanno invece già un nuovo sindaco gli altri comuni 11 comuni in cui si votava, tutti al di sotto dei 15 mila abitanti. A Valfornace, comune nato dalla fusione di Pievebovigliana a Fiordimonte, si afferma l'ex sindaco di Fiordimonte Massimo Citracca, che con il 57,58% dei voti batte l'ex primo cittadino di Pievebovigliana Sadro Luciani (42,41%).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere