Sisma,Cna Macerata, 970 imprese inattive

Proposto tavolo dedicato a pmi artigiane

 "La provincia di Macerata, con le sue 970 attività economiche inattive, ha subìto un vero e proprio terremoto economico, di entità esponenziale, se questi numeri vengono confermati, di 20-30 volte superiore alle province limitrofe". Lo afferma, a proposito dei danni provocati dal sisma, il direttore provinciale della Cna Luciano Ramadori.
    La Cna ha proposto la creazione di un tavolo di coordinamento permanente dedicato alla piccola e media impresa artigiana, con la partecipazione degli assessorati regionali alle Attività produttive e alle Politiche per la montagna e le aree interne, Protezione Civile e associazioni di categoria. "Cna Macerata - ricorda Ramadori - è parte della task force attivata a livello interprovinciale, con funzionari dedicati alla raccolta delle segnalazioni delle imprese e all'assistenza nella compilazione delle schede. Al momento emerge forte la necessità di poter condividere spazi, laboratori e servizi: per questo abbiamo attivato sul nostro sito lo sportello 'emergenza terremoto'".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA