• Volkswagen, l'Università di Urbino studia il caso dal 2014

Volkswagen, l'Università di Urbino studia il caso dal 2014

Fu emessa una nota tecnica per sottolineare problema

Una università italiana, quella di Urbino, studia dallo scorso anno le vicende legate al caso  Volkswagen. Attraverso il progetto Sefira, finanziato dall'Unione Europea, l'ateneo marchigiano sta curando in particolare un approfondimento scientifico sul suo sito web (www.sefira-project.eu) delle notizie legate alle accuse da parte dell'Agenzia per la Protezione Ambientale degli Usa contro la casa automobilistica tedesca per le presunte modifiche illegali alle centraline elettroniche per falsare i dati sulle emissioni di Ossidi di Azoto di più di 500.000 auto diesel dal 2009 ad oggi.

 

http://www.sefira-project.eu/ad/united-states-epa-vs-volkswagen-defeat-devices-on-diesel-passenger-cars/In depth analysis on the SEFIRA web site and interview with Prof. Martin William, King's College London

Posted by Sefira - Socio Economic Implications of Air Pollution policies on Martedì 22 settembre 2015

 

"La relazione controversa tra le emissioni dichiarate, testate e rilevate nei cicli di guida reale - sottolinea una nota dell'Università - era stata descritta negli scorsi anni da numerosi studi indipendenti sollevando dubbi sull'utilità del sistema degli Euro Standard per le autovetture. Il progetto Sefira ha emesso nel dicembre 2014 una nota tecnica per sottolineare questo problema in relazione alla discussione sulle nuove direttive per la qualità dell'aria in corso a Bruxelles". "Sefira - proseguono ancora dall'ateneo - sostiene l'importanza di collegare l'adozione di tecnologie affidabili per la riduzione delle emissioni all'adozione di politiche ambientali rivolte ad ottenere dei sostanziali cambiamenti nel comportamento individuale e nelle più ampie relazioni ecologiche in ambito urbano".

Il progetto in atto (www.sefira-project.eu) è un'azione di coordinamento della ricerca finanziato dal settimo Programma Quadro della Commissione europea, coordinato dalla professoressa Michela Maione dell'Università di Urbino con il coinvolgimento di partner scientifici internazionali come King's College di Londra e Iiasa di Vienna. I principali scopi dell'azione triennale iniziata nel giugno 2013 sono lo studio e la messa in rete di conoscenze sulle implicazioni socio-economiche delle politiche sulla qualità dell'aria promosse dall'Unione Europea. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie