Trasporti: Terzi, integrazione tariffe non prima di giugno

Assessore, 'tempi richiesti da Milano per Regione insostenibili'

(ANSA) - MILANO, 24 GEN - La proposta sull'integrazione tariffaria dei mezzi pubblici avanzata dal Comune di Milano, "secondo noi ha tutta una serie di criticità che vanno approfondite con il tempo necessario per trovare una soluzione".
    Lo ha spiegato l'assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi nella sua relazione in commissione, confermando che il via libera della Regione Lombardia all'operazione del Comune, che comprende l'aumento del ticket Atm da 1,50 a 2 euro, non arriverà entro aprile come richiesto da Palazzo Marino. "In tutti gli incontri con il Comune abbiamo sempre detto che per noi era impossibile darci questa linea temporale. Quelli che sono i tempi previsti dal Comune di Milano per noi sono insostenibili" ha spiegato Terzi, chiarendo che la Regione sta lavorando "per pianificare l'integrazione tariffaria su tutto il territorio regionale nella seconda metà del 2019". "A giugno le agenzie di tpl dovranno mettere a gara il servizio, tranne quella di Milano che ha una deroga a ottobre 2020. Non nascondo però che alcune agenzie hanno già evidenziato ritardi e criticità. Comunque noi teniamo come termine realistico la seconda metà del 2019" ha aggiunto. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa